le due bionde

le due bionde

lunedì 19 novembre 2012

"Graukäsesuppe" zuppa di formaggio grigio

Buon lunedì amici,
avete passato bene il week end??? Io benone grazie.
Non vedevo l'ora che arrivasse questo momento per scrivervi questo post, mi sono innamorata.
Si, mi sono innamorata di un libro, è stato un colpo di fulmine a tutti gli effetti.
Il libro in questione si chiama "Semplice e buono", la cucina autentica delle Dolomiti di Miriam Bacher e Franco Cogoli, la casa editrice è Athesia. E' una raccolta di 80 ricette della tradizione sudtirolese, sopratutto quella contadina, ricette semplici tramandate di madre in figlia, le ricette che preferisco.
Oltre alla ricette ci sono tantissime belle fotografie e se vi capita sottomano questo splendido libro vi consiglio almeno di sfogliarlo. Mi sono innamorata di questo libro proprio per le fotografie perchè le ricette, essendo altoatesina, le conoscevo già.
Ho comperato questo libro circa più di due settimane fa, da quel giorno ho cucinato solo piatti della mia tradizione. Ho raccolto piatti, bicchieri, pentole, ciotole, tovagliette, tutto rigorosamente tirolese per le mie fotografie e mi sono lanciata con le ricette per il blog. Il problema è che per il momento non ho ancora nessuna intenzione di smettere.
Da oggi partiranno nel mio blog una lunga serie di ricette tirolesi e spero di non annoiarvi.
Ho ricevuto parecchie mails di amici che mi chiedevano consigli sulla cucina altoatesina, ho inserito le ricette da me già eseguite nella barra laterale del blog e per chi fosse interessato un po' più sotto c'è il link di tutte le mie fotografie scattate nelle mie montagne.
Ora questa favolosa crema di formaggio.












































Ad essere sincera ho scoperto da poco questa zuppa, l'ho ordinata al ristorante per puro caso e mi è piaciuta moltissimo.








































So anche molto poco di questo formaggio grigio, dal sapore molto particolare. Dovrebbe essere originario della Val d'Isarco ed è fatto con il latte di mucca.
E' un formaggio che si presta esclusivamente per zuppe o canederli, viene venduto in piccole forme conservate sottovuoto. Ha tutto il sapore e il profumo della montagna e lo consiglio ai veri amanti del formaggio.








































Ho comperato questo formaggio da Naturalia, un negozio che vende esclusivamente prodotti biologici, situato in via Mainardo vicino alla stazione ferroviaria.
Probabilmente o quasi sicuramente si trova anche alla latteria di Lagundo. Mi informo e vi faccio sapere.








































Secondo me potete sostituire questo formaggio grigio con del gorgonzola piccante stagionato.








































Ingredienti per 4 persone:
1 cipolla piccola tritata
1 pezzetto di porro tritato
1 noce di burro
2 cucchiai di farina
1 goccio di vino bianco
600 ml di brodo
120 g di formaggio grigio stagionato tagliato a dadini
sale e pepe
150 ml panna fresca montata (facoltativa)
erba cipollina
pane nero

Rosolate la cipolla e il porro tritati finemente nel burro, unite la farina e bagnate con il vino bianco mescolando bene per evitare grumi.
Aggiungete il brodo e fate cuocere per 2-3 minuti.
Unite il formaggio tagliato a dadini o sbriciolato con le mani e fate bollire brevemente, si scioglie subito.
Frullate il tutto, aggiustate con sale e pepe e versate la panna se desiderate un sapore più delicato (io non l'ho aggiunta).
Abbrustolite in padella o al forno, senza aggiunta di olio o burro, il pane nero tagliato a dadini.
Servite la zuppa con i crostini di pane serviti a parte e l'erba cipollina tagliata finemente.

Il libro consiglia di accompagnare questa zuppa con un buon bicchiere di Gewürztraminer.








































Buona giornata a tutti!!!
Sabina

55 commenti:

  1. Ciao Sabina, chi sa quanto è buona la tua crema-zuppa, l'aspetto è meraviglioso, complimenti. Buon inizio settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è buonissima per chi piace il formaggio e i sapori decisi
      grazie

      Elimina
  2. Deve essere buona davvero,non riscrivo il titolo della tua zuppa perchè tanto sbaglierei,ah ah baci Zagara & Cedro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scrivi in italiano che è molto più facile hahaha

      Elimina
  3. Ci sono certi libri di cucina che in effetti ti entrano dentro, perché rispecchiano i tui gusti, anche da un pinto estetico..ti rispecchiano.
    Questa zuppa sembra favolosa e le tue foto lasciano a bocca aperta :)
    Ti abbraccio bionda !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ricordi quando parlavamo del libro di Donna Hay??? questo mi ha fatto lo stesso effetto
      baci

      Elimina
  4. Dolce Sabii! Che meraviglia: tutto! Ricetta, zuppa.. fotografie! E mi sarei innamorata anche io di quel libro! Adoro le ricette altoatesine e non vedo l'ora di vedere le tue creazioni.. :D Sei sempre spettacolare, amica del cuore :) Ti voglio tanto bene e passa un inizio settimana splendido.. questo fine settimana è stato devastante per meee! :) Smuacck a te ed Elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho letto da te che hai avuto un fine settimana molto movimentato....riposati oggi e coccolati i gattini....che spettacolo
      un bacione

      Elimina
  5. E' bello portare in tavola le ricette delle proprie tradizioni e tu lo fai con stile. Tutto coordinato. Sono nata a Trento ma ho vissuto a Catanzaro, da sposata a Soverato, ma mi incuriosisce molto la cucina altoatesina che trovo tanto buona e così calda, come le tua zuppa. Ottima!!! Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai che qui a Merano conosco molti calabresi trapiantati qua....
      bacioni

      Elimina
  6. Adoro le ricette semplici e della tradizione!
    Questa deve essere squisita.
    Bello il servizio! ^___^
    Ciao e buona settimana
    Erica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti ti pensavo mentre preparavo queste ricette
      baci

      Elimina
  7. sabi...che meraviglia! L'athesia non delude mai...fantastica questa zuppa...mi sa che presto la rifarò! che belle foto, starò a vedere tutti i giorni le ricette del suedtirol che arezz molto nonostante sa calabrese...tra queste creazioni ci sono anche i canederli? io ho un sacco di ricette al riguardo ma voglio sapere che ricetta riporta questo tuo libro! Chi sbriciola il pane, chi lo bagna nel latte, chi ci mette burro e chi no...Fantastica davvero, grande Sabi! Buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma anche da noi poi ognuno li fa come meglio crede o come gli è stato insegnato
      baci

      Elimina
  8. Mai sentito questo formaggio grigio. Mmm... la tua zuppa mi invoglia molto, magari potrei sostituire il formaggio grigio con un altro tipo se non lo trovo. Che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. figurati che l'ho scoperto da poco anche io, prova con il gorgonzola stagionato piccante, se il gusto ti è troppo forte ne metti meno e lo allunghi con la panna

      Elimina
  9. CIAO SABI!! io sono felicissima che vai di ricette altoatesine, perchè come già ti accennavo, mi piace tantissimissimo la vostra cucina! E avevo già notato la barra a lato con la lista di ricette dedicata... :-)
    Lo sai che io ho una signora carissima amica di famiglia che mi ha cresciuta in pratica, ed è di Bolzano: ho già in programma di andare un pomeriggio o due da lei che mi insegna bene a fare i canederli, il goulasch, e una torta che non mi ricordo come si chiama ma mi ha detto che è squisita!! Mini corso di cucina! :-) Così poi unisco alla mia pratica le tue ricettine!
    Questa zuppa impiattata così è meraviglia!!!
    un bacione
    Marisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse la torta è lo strudel??? che bello dai così poi ci confrontiamo
      baci

      Elimina
    2. Ciao Sabi! no no, non è lo strudel....appena lo faccio ti dico il nome! Mi spiegava che è un pan di spagna e ha una glassa sopra a base di caramello...gnam!
      un bacino!
      Mari

      Elimina
  10. Buona!!! Io non mi annoierò di sicuro con tutte queste ricette tirolesi... anzi, mi piace conoscere le ricette della tradizione! Alla prossima allora! Buona giornata!

    RispondiElimina
  11. Ciao Sabi!!!
    Ma continua pure con le ricette altoatesine, anche a me piacciono tantissimo!!!
    Questa zuppa dev'essere buonissima e la carellata di foto..meravigliosa...sei sempre più brava!
    Tutto ok con Eliot, era terrorizzato al lavaggio con aspira peli e phon, ma è uscito che era una meraviglia..la notte bravissimo!!! ;-)
    Bacioni! Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara, ero proprio curiosa di sapere di Eliot, avevo letto anche dall'altre, ti capisco eccome e sono felice per voi
      baci

      Elimina
  12. Ciao Sabina :) Il libro deve essere bellissimo e questa zuppa è fantastica, molto invitante... Complimenti e buon inizio settimana, bacione a Elsa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara, si il libro ha delle foto stupende
      un bacione

      Elimina
  13. Ciao Sabina.
    Allora, andiamo per ordine. Devo prendere appunti per cercare questo libro, sono rimasta curiosissima. Lo sai che vado matta per i libri di cucina... Lo devo vedere.
    La zuppa è fantastica. Mi é venuto subito la domanda se qui nel Lazio trovavo questo formaggio. Devo vedere... Caso mai, il gorgonzola non rimane troppo forte di sapore??? Ha un gusto stagionato questo formaggio???
    Voglio verificare se qui si trova.
    Questa zuppa voglio assaggiare, piatto semplice, della cucina contadina... Fantastico.
    Poi ti faccio sapere, sia del libro che del formaggio.
    Un abbraccio (una carezza a Elsa)
    Ottima settimana.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicuramente a Roma sarà più facile trovarlo
      quel formaggio è difficile da trovare anche da noi, ma puoi provare con il gorgonzola stagionato, se il sapore è troppo forte lo allunghi con la panna fresca.
      questo formaggio ha un gusto indescrivibile, sembrerebbe quasi affumicato, ma non lo è
      baci

      Elimina
  14. veramente da provare!
    E poi è bella la riscoperta delle tradizioni!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  15. conosco molto bene quella casa editrice, i libri che pubblica sono a dir poco favolosi!
    Come la tua zuppetta....calda e confortante e scaldacuore!

    RispondiElimina
  16. Questa zuppa è una meraviglia, ho passato un fine settimana non proprio bello e questa zuppa stasera mi tirerebbe davvero su :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi dispiace per il tuo fine settimana, mi auguro nulla di irreparabile

      Elimina
  17. Sabi mi hai fatto venire una gran voglia di cercare questo libro. Vado subito.
    Prima però ti devo dire che le tue foto sono sempre più belle.
    Un bacio a tutte e due.

    RispondiElimina
  18. Ma dai...siamo davvero in sintonia!!! Bravissima, facci vedere queste fantastiche ricette....prenderò nota, perchè è una cucina che non conosco molto! Baci baci e una carezza a Elsa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una cucina molto semplice senza troppe pretese

      Elimina
  19. Annoiarci? Ma sei matta? :D Sono contentissima di conoscere ricette tirolesi. Già questa è un vero spettacolo!
    Un bacione a te e a Elsa ^^

    RispondiElimina
  20. anche io mi prenderò questo libro.. se le ricette sono così deliziose.... e poi che idea carina quella di servire la zuppa in quelle belle tazzine bianche di borcellana!!! ne ho alcune simili... mi sa che è venuto il momento di utilizzarle :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dalle mie parti si usa molto servire le zuppe e i brodi in queste tazze

      Elimina
  21. Deve essere buona la tua zuppa..non ci resta che assaggiarla.
    Buona serata Saby.
    Inco

    RispondiElimina
  22. ciao sabina. io adoro i piatti tirolesi. pensa che il nostro buen ritiro è sopra vipiteno in val giovo! belle foto, come sempre. fai benissimo a far conoscere i tuoi piatti tipici. i piatti tipici, della tradizione sono quelli che chi ama cucinare, come te e me, deve riportare, far conoscere, tramandare.
    un abbraccio
    Maggie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siamo sempre alla ricerca di chissà che cosa mentre abbiamo dei piatti della tradizione veramente buoni
      bacioni

      Elimina
  23. Sono rimasta incantata a guardare le foto...mi sono innamorata delle tue porcellane!
    E la zuppa...molto ma molto buona di sicuro!
    Aspetto le altre ricette dal libro! Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le porcellane le ho comperate al mercatino dell'usato per soli 3 euro...carine vero? Chissà a chi appartenevano
      baci

      Elimina
  24. Favolosa!!!! Semplicemente favolosa!!!!! Io sono una delle tue fans per tutto ma se mi parli di cucina altoatesina sono ai tuoi piedi. Questa l'ho provata in un maso tanti tanti anni fa... Ne ricordo ancora il sapore, peccato non trovare qui quello splendido formaggio! Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. addirittura ai miei piedi.....che onore!
      bacioni

      Elimina
  25. Tesoro che meraviglia questa crema zuppa!
    Sono molto contenta che ti sia appassionata di questo libro .. .ed ancora di più perchè adesso e per diversi post ci proporrai delle ricettine tradizionali che sicuramente non conosciamo ...
    Spesso nei blog impazzano le mode del momento ... ultimamente c'erano ovunque carote e patate viole per dire ... sinceramente preferisco delle ricette più originali e tipiche! ;-))
    Un grosso bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah beh ormai mi conosci e avrai capito quanto io sia istintiva.....figurati che non riesco nemmeno a partecipare ai contest
      ho visto al negozio bio le carote viola, ma non le ho comperate perchè non mi ispirano neanche un po'.....sono così belle arancioni ;)
      bacioni

      Elimina
  26. ma questa è la crema che ho assaggiato!!!!! era buonissima come sicuramente quella che hai fatto tu....
    un bacio a prestissimo. claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiiii è proprio lei e mi è venuta uguale uguale
      baci

      Elimina
  27. Ciao Sabrina!! che buono questo piatto!!! Sei bravissima!! Mi piace tanto il tuo blog!!! buona giornata!!! :)

    RispondiElimina