le due bionde

le due bionde

lunedì 15 settembre 2014

Crostata morbida con marmellata di prugne

Buongiorno amici, buon lunedì a tutti,
oggi avrei voluto iniziare la giornata offrendovi questa deliziosa crostata, ma Nina mi ha tenuta fuori più del dovuto e così ho rimandato l'appuntamento con il post ad ora. Nina starebbe fuori casa tutto il giorno, soprattutto al parco a giocare con i suoi amici, oggi poi era una giornata speciale, molte persone mi hanno fermata dicendomi di avermi vista in TV, non vi nascondo che è una bellissima sensazione.
Per chi volesse vedere la puntata di Cronache Animali con me e Nina trova il link qui nell'altro mio blog, oppure può andare direttamente su Rai Repley e cliccando sulla data e sul canale arriverà al programma.
Ci tenevo a scrivere il post di oggi per commentare insieme a voi la mia apparizione in TV. Pensavo di non piacermi, come succede normalmente riguardandomi in un filmino casalingo, invece è proprio vero che la televisione fa miracoli. Sono rimasta sbalordita per la mia scioltezza, sembravo molto rilassata e a mio agio invece vi garantisco che ero tesa come una corda di violino. Mi sono divertita nel vedere cosa avesse combinato Nina, avrei dovuto immaginarlo che lei sarebbe stata attirata dalle piante. All'inizio della registrazione lei gironzolava attorno ai biscottini che avevamo già preparato, poi il suo interesse era per cavi vari e microfoni, e infine le piante la sua vera grande passione.
Molti amici si sono lamentati perchè avrebbero voluto vedermi di più, mi hanno detto che la conduttrice correva molto, in realtà questi sono i tempi televisivi e quella lenta ero io. La conduttrice, Lisa Marzoli invece è stata bravissima e mi ha accompagnata nel vero senso della parola, se non ci fosse stata lei a ricordarmi certi passaggi io mi sarei persa in un bicchiere d'acqua, mi ha evitato molte pause e spazi vuoti. In generale sono molto lenta e soprattutto non riesco a preparare qualcosa mentre parlo, ho bisogno di concentrazione, invidio molte amiche che cucinano o fanno i mestieri di casa mentre chiaccherano al cellulare, io non ci riesco.
Commenti a parte la puntata è andata bene e ho ricevuto molti complimenti anche dalla redazione e dagli autori del programma, mi sento orgogliosa di me stessa e sarei ipocrita nel dire che non mi piacerebbe ritornare in TV.
Ora è quasi ora di pranzo, manca la ricetta della crostata e poi di corsa a preparare qualcosa al maritino.








































Ho trovato questa ricetta nel blog di un'amica, lei è Erica, il suo blog ormai è fermo da un po' e mi dispiace molto. A dir la verità mi aveva parlato di questa ricetta ormai parecchio tempo fa, io l'ho sempre tenuta in mente aspettando il momento giusto per farla.








































E' una crostata semplicissima da preparare, una ricetta di quelle rustiche e casereccie come piacciono a me. Io l'ho preparata con la mia marmellata di prugne alla cannella ed era favolosa, per la colazione, la merenda ecc....è sparita subito un pezzetto dopo l'altro.








































Ingredienti per una tortiera del diametro di 26 cm:

200 g di farina
100 g di zucchero
170 g di burro
2 uova
1 bustina di zucchero vanillinato o vanillina
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
1 vasetto di marmellata di prugne alla cannella fatta in casa

Con il robot da cucina impastate bene tutti gli ingredienti, io inizio con farina, lievito, zucchero, zucchero vanillinato e burro freddo tagliato a pezzetti. Quando ho ottenuto un composto di briciole aggiungo le uova e impasto fino ad avere un composto liscio e omogeneo.
Stendete l'impasto nella tortiera imburrata con le mani o con un cucchiaio e formate tanti buchi, a questo punto coprite con la marmellata e infornate nel forno preriscaldato a 180° per 40 minuti.
Fate raffreddare, spolverate con zucchero a velo e servite.








































Potete vedere qui la ricetta di Erica preparata assieme ai suoi bimbi, lei vi mostrerà con fotografie passo dopo passo.








































Buona giornata e buon pranzo a tutti!!
Sabina

venerdì 12 settembre 2014

Ciao Daniza

Buon venerdì a tutti,
si lo so, questo è un blog di cucina e in questo post manca la ricetta. Normalmente in questo angolo cerco di evitare di parlare di fatti di cronaca, non perchè mi scivolino addosso, ma semplicemte perchè la vita è tanto dura e ogni tanto si ha anche il desiderio e il diritto di sorridere un po' e pensare soltanto alle cose piacevoli e un po' più frivole, non c'è nulla di male in questo.
Poi come sempre ci sono fatti che ci coinvolgono più di altri e non si riesce a far finta di nulla.
Ieri mattina, ascoltando la radio, ho appreso dell'uccisione dell'orsa Daniza e sono crollata in lacrime, mi si è stretto il cuore, non volevo crederci, ma in fondo in fondo temevo il peggio.
Ogni giorno firmo petizioni, voglio crederci, ma cerco sempre di non coinvolgere nessuno, proprio perchè ognuno di noi deve sentirsi libero di firmare ciò che vuole e battersi per ciò che ritiene più giusto.
La storia di Daniza mi ha subito colpito nel profondo ed è stata l'unica volta che vi ho chiesto aiuto, purtroppo, nonostante tutte le firme raccolte, il riscontro non è stato quello sperato.
Ormai quello che è fatto è fatto e ne a Daniza e ne ai suoi cuccioli interessa che venga fatta giustizia.
Non voglio pensare alla povera sorte di quei cuccioli, andiamo verso l'inverno, il letargo e per loro far scorte di cibo sarà difficile, non voglio nemmeno pensare che potrebbero finire in uno zoo.
Provo tanta tristezza e non credo che domani sarà un nuovo giorno.
Sono altoatesina, praticamente sono cresciuta in montagna con un legame tra odio e amore. A vent'anni sono scappata da Merano perchè mi sentivo soffocare, e ancora adesso ogni tanto devo andarmene perchè mi sento prigioniera tra le montagne, ma allo stesso tempo non potrei più vivere senza. Crescendo sento di apprezzare sempre di più quello che mi circonda, amo la pace, la solitudine, la tranquillità e la serenità che soltanto la montagna mi sa dare. La montagna va capita e ascoltata, non è per tutti, è per questo che mi arrabbio quando arrivano i turisti in massa a rompere certi equilibri.
A me piace passeggiare e pensare che proprio in quel percorso potrebbe essere passato un orso o un cervo, mi piace guardare le pigne cadute dagli alberi  rosicchiate dagli scoiattoli, mi piace vedere il mio cane che annusa insistentemente un punto perchè forse sente l'odore di una lepre, mi sono emozionata quella volta che ho avuto la fortuna di vedere un'acquila. Vado spesso a camminare in alta montagna, percorsi difficili e faticosi, ma le emozioni che si provano sono indescrivibili. In tutta la mia vita soltanto una volta un cervo mi ha attraversato la strada, non ho mai avuto la fortuna di incontrare una marmotta e anche le vipere, seppur abbia il terrore, non le ho mai viste. Non ho mai avuto paura di incontrare un orso, ho sempre saputo che appena sentono l'odore dell'uomo si allontanano come qualsiasi altro animale. Gli animali in generale non attaccano l'uomo, lo fanno soltanto se si sentono in pericolo. Il bosco non è più l'habitat dell'uomo e quindi bisogna averne rispetto, come quando si entra in casa di altri, si sta in silenzio, si ascoltano i rumori e ci si allontana quando si sente un fruscio. Ho sempre amato gli animali, ma ho sempre detestato gli zoo, i circhi e tutti quei luoghi che li costringono in gabbie o lontani dal loro habitat naturale. I miei viaggi più belli sono sempre stati quelli a contatto con la natura, i safari. Nella savana in Kenia ho avuto la fortuna di vedere  un paio di leoni, giraffe, gazzelle, elefanti, in Sri Lanka perfino un leopardo, tutti animali nel loro ambiente, è casa loro quella, noi siamo gli ospiti e dovrebbe essere così per la montagna con gli orsi e altri animali. In montagna i pericoli sono tanti, si può scivolare in un burrone, ci sono le valanghe, ci vivono gli animali e come in ogni ambiente selvaggio bisogna prestare più attenzione e averne rispetto. A me piace viaggiare, visitare altri paesi, grandi città, ma non c'è nulla di più emozionante che vedere, se pur in lontananza, un animale libero. Un mio grande sogno è quello di vedere i gorilla in Uganda, i pinguini in Patagonia e una balena nei mari del Nord, sono andata in Svezia con la speranza di incontrare un'alce, i fenicotteri in Camargue ecc.... La terra, gli animali e la natura sono la nostra più grande ricchezza e mi meraviglio che la maggior parte degli uomini ancora non l'abbia capito.

Buon week end a tutti!!!
Sabina

giovedì 11 settembre 2014

Pizza con fichi, gorgonzola e noci

Buongiorno amici,
sto facendo il conto alla rovescia dei giorni che mancano fino a domenica prossima, non vedo l'ora di vedere la puntata di "Cronache Animali", mi sto preparando psicologicamente all'idea di aver fatto una gran brutta figuraccia, spero sinceramente nei miracoli della TV. Le cose sono due per quel che riguarda l'aspetto, o sono una gran gnocca oppure sono uno scorfano. Dovete sapere che mi hanno truccata e pettinata intorno alle cinque del pomeriggio, abbiamo registrato a mezzanotte e nel frattempo quello strato di trucco si è seccato lasciandomi sul viso delle rughe pazzesche......AIUTOOO....non ci voglio pensare!!! Ah guardate che la TV ingrassa!!!! Non ricordo praticamente nulla della registrazione, ricordo soltanto che pochi secondi prima di registrare, con già tutte le luci puntate su di me, guardavo le telecamere, la folla di gente tra autori, regista, cameramen, veterinario, costumiste, ecc....e dicevo loro: "ho le labbra secche, ho le labbra secche!!!"
Scherzi a parte, quello che più mi interessa è di risultare simpatica. Di Nina non dico nulla perchè lei è sempre bellissima e simpaticissima, anche a mezzanotte dopo tante ore di viaggio.
Naturalmente non vedo l'ora di vedere anche la puntata di sabato, ho conosciuto tutti gli ospiti e quindi sarà divertente rivederli. Oggi è già giovedì, è passata una settimana, ma ancora mi batte forte il cuore al ricordo di quel giorno in RAI, mettetevi il cuore in pace, ne parlerò ancora molto.
Ora torniamo con i piedi per terra alla nostra cucina.
E' tempo di fichi e secondo me non c'è abbinamento migliore che con il formaggio. Ho preparato una pizza davvero fantastica, da provare assolutamente.








































Non sono una gran esperta di impasto per pizza come alcune colleghe foodblogger che si cimentano con pasta madre ecc, il mio è quello classico da casalinga con 500 g di farina, una bustina di lievito di birra secco Paneangeli Mastrofornaio, una presa di sale, qualche cucchiaio di olio extravergine d'oliva, 2 cucchiai di zucchero di canna e acqua tiepida quanto basta. Faccio lievitare l'impasto coperto nel forno a 30° finchè non raddoppia di volume e poi stendo, farcisco e inforno.
Ognuno ha i suoi gusti in fatto di pizza, a me piace sottile e croccante quindi con una pagnotta con 500 g di farina faccio ben tue teglie e le inforno a 250° nel forno statico.
Quasi sempre utilizzo la farina di farro perchè trovo sia più digeribile e leggera.








































Questa pizza l'ho farcita con fichi, gorgonzola e noci.
Tagliate i fichi a spicchi oppure a fettine e adagiateli sull'impasto, aggiungete poi qualche pezzetto qua e là di gorgonzola, qualche gheriglio di noce, un paio di rametti di rosmarino, una presa di sale, un filo d'olio extravergine d'oliva e infornate. Ho aggiunto poi ancora un po' di gorgonzola dopo la cottura della pizza.
Questa pizza ho preferito infornarla a 220°.








































......e mentre Nina ne ha combinate di tutti i colori sono riuscita a finire anche questo post.
Buona giornata a tutti!!!
Sabina

martedì 9 settembre 2014

Vellutata con funghi porcini e patate

Buongiorno amici,
e dopo la botta di vita con le emozioni provate in TV e a Napoli la settimana scorsa, si torna alla normalità, alla vita di tutti i giorni. Ieri è iniziata la scuola e anche mio marito è tornato a lavorare.
Ora devo riorganizzare le giornate con Nina, il problema sono le pulizie di casa. Ha sette mesi ed è ancora una cucciolona nel pieno della sua euforia, gioca con tutto e non sono ancora riuscita a farle perdere il vizio di giocare con aspirapolvere e mocio per pavimenti. Per tutta l'estate mentre io pulivo casa lei usciva con mio marito, ora piano piano dovrò insegnarle a stare più tranquilla. Ancora le vietiamo di entrare in bagno perchè combina solo guai, la cartaigienica è la sua passione, per non parlare di tutti i flaconcini di shampo, docciaschiuma ecc...., e la cesta della biancheria poi me la ritrovo in giro per tutta la casa. Questi forse sono i mesi più duri per l'educazione di Nina, io tendo ad essere molto permissiva e per fortuna ci sono sempre le educatrici al ritrovo per cani che mi riprendono. Mi dicono sempre: "Sabina ricorda, fino ad ora Nina era all'asilo, adesso va in prima elementare!" Però lei è una cagnolina molto intelligente e capisce quando può giocare e quando deve stare tranquilla, si è fatta il viaggio in treno andata e ritorno fino a Napoli, è stata bravissima e non posso assolutamente lamentarmi.
Ora, dopo la parentesi Nina, torniamo in cucina. Avevate visto i porcini che ho trovato in montagna qualche giorno fa?? Volevo preparare qualcosa di diverso dal solito risotto ai funghi e visto che le serate sono già tipicamente autunnali ho pensato ad una vellutata.








































Se non avete i porcini freschi potete utilizzare tranquillamente quelli secchi o quelli surgelati.








































Anche per questa ricetta ho utilizzato le mie pentole Le Creuset, ormai mie fedeli alleate in cucina, e ho servito poi la vellutata nelle cocottine.








































Ingredienti per 2 persone:

2-3 porcini di media grandezza oppure 200 g di surgelati
1 patata media
1 spicchio d'aglio
1/2 cipolla
prezzemolo
una noce di burro
brodo vegetale quanto basta
50 ml di panna liquida
sale e pepe

Pulite i funghi togliendo tutta la terra e sciacquateli sotto il getto d'acqua velocemente.
Affettateli tenedo in considerazione che una fettina vi servirà poi per decorare il piatto.
In una padella fate saltare i funghi per un paio di minuti con pochissimo burro e uno spicchio d'aglio, eliminate l'aglio e tenete da parte.
In un'altra casseruola fate dorare lievemente la cipolla affettata nel burro, poi anche la patata tagliata a piccoli cubetti. Aggiungete un mestolo di brodo e fate cuocere finchè la patata non è cotta, versate insieme i funghi tenendo a parte le fettine per la decorazione finale e fate cuocere assieme un paio di minuti. Frullate tutto con il frullatore ad immersione, aggiungete brodo se necessario, la panna, regolate di sale e pepe. 
Versate la vellutata ben calda nei piatti e decorate con prezzemolo e i funghi.








































Buona giornata!!!
Sabina

domenica 7 settembre 2014

Piadina con salsiccia, stracchino e cipolle rosse

Buona domenica a tutti miei cari amici,
proprio oggi il mio blog compie tre anni e non posso assolutamente non festeggiare. Direi che non potevo ricevere regalo migliore dell'invito in Tv su Rai 2 a Cronache Animali. Ancora non sono tornata con i piedi per terra, mi sento gasatissima e sogno tutte le notti il momento della registrazione.
Dovete sapere che di quel momento praticamente non ricordo nulla, ero ipnotizata, sospesa per aria, non ricordo cosa ho detto e cosa ho fatto. Sicuramente avrò cambiato il tono della mia voce e avrò fatto le facce da scema, quelle che faccio quando mi chiedono di mettermi in posa per una foto.  Ricordo soltanto di aver visto scorrere nello schermo gigante qualche foto mia e di Nina prese dal  blog, è stato davvero emozionante.
Tornando ai tre anni di blog e ripensando all'inizio mai mi sarei aspettata tutto questo.
Stavo attraversando un periodo difficile, la mia vita era concentrata esclusivamente al desiderio di maternità, tante gravidanze mai portate a termine,  nient'altro aveva un senso per me. E' stato mio martito ad incoraggiarmi al blog e così per scherzo, assieme alla mia cara Elsa, sono partita per questa avventura, le due bionde in cucina, non poteva essere un'altro nome. Elsa che è stata accanto a me per quasi quindici anni, la mia migliore amica, la mia bambina. Un'avventura che mi ha guarita, che mi ha dato molte soddisfazioni, che mi ha fatto riscoprire le mie passioni e che mi ha fatto amare ancora  la vita. Un blog che è stato il mio psicologo, che mi ha capita e accettata per quello che ero.
Tre anni, un pezzetto di vita trascorsa con voi, una storia che spero continui ancora per un po', gioie e dolori. Ringrazio tutte le persone che sono riuscite a capire veramente la mia natura, quelle che mi hanno dato forza e coraggio, le collaborazioni che hanno creduto e credono tutt'ora in me, le mie fotografie apprezzate anche da molte riviste che mi hanno fatto sentire importante e tanto altro. Ho messo tutta me stessa in questo blog, tutta la mia passione e ne sono orgogliosa, lo abbandonerò soltanto quando non mi farà più provare emozioni.
Molte persone credono in me, mi dicono che andrò lontano, ma io sono già arrivata dove volevo arrivare. Arrivare per me significa riuscire a capire che quello di cui abbiamo bisogno per essere felici è già accanto a noi ogni giorno, riuscire ad amare ciò che ci circonda, non aver paura di essere se stessi.

E ora una bella piadina è quello che ci vuole perchè anche il cibo porta gioia, eccome se ne porta, spesso non c'è nulla di più gratificante che addentare qualcosa di buono.








































Ingredienti per due persone:

2 piadine romagnole
1 salsiccia mantovana fresca
3-4 cucchiai abbondanti di stracchino
1 cipolla rossa
1 rametto di rosmarino
olio extravergine d'oliva
sale e pepe

Affettate la cipolla sottilmente e conditela con poco olio, sale e pepe.
Sbricciolate la salsiccia in una padella antiaderente dopo aver tolto la pelle, cuocete con sale e pepe finchè non è ben abbrustolita assieme al rosmarino. Aggiungete anche le cipolle e fate apassire.
Scaldate le piadine sulla piastra da ambo i lati per pochi secondi, farcitele a metà con lo stracchino, la salsiccia e le cipolle, richiudetele e fatele scaldare ancora sulla piastra per un minuto rigirandole.








































Buona domenica a tutti!!!
Sabina

venerdì 5 settembre 2014

Smoothie detox e il nostro viaggio a Napoli

Buongiorno amici,
nel post precedente vi ho lasciato con il fiato sospeso dicendovi che avrei avuto delle grosse novità da raccontarvi, oggi finalmente posso parlare, è stato difficile anche per me tenere questo segreto. 
La settimana scorsa leggendo le mail ne ho trovata una proveniente dalla redazione della Rai, mi hanno invitata a "Cronache Animali" con Nina, un programma in onda su Rai 2 tutti i sabati e domeniche alle 10.30 del mattino. Logicamente questa volta non ho potuto non accettare e mercoledì mattina Nina ed io siamo salite sul treno e siamo arrivate fino a Napoli, siamo tornate a casa ieri sera.
La mia preoccupazione più grande era fare il viaggio in treno con Nina, invece è andato benissimo, lei ha dormito quasi tutto il tempo, è stata bravissima. Siamo arrivate a Napoli alle due del pomeriggio, un taxi ci ha portato direttamente alla Rai e poi nell'albergo vicinissimo. La giornata è stata molto lunga perchè ci siamo alzate alle 4.30 del mattino e abbiamo registrato la puntata a mezzanotte, ma il tempo è volato, qualche prova con gli autori, trucco, parucchiere, costumiste, tante chiacchere con altri ospiti, ecc.... Nina nel frattempo ha giocato con altri cani anch'essi ospiti nella trasmissione. E' stato molto stancante, soprattutto per Nina che è abituata ad andare a nanna presto, ma tutte quelle ore sono servite a me per prendere confidenza e rilassarmi un po'. A mezzanotte non ricordavo più neanche il mio nome, ma davanti alle telecamere inspiegabilmente sono riuscita a preparare i miei biscottini per cani e a spiaccicare qualche parola. Il momento della registrazione è stato qualcosa di magico, incredibile, continuo tutt'ora a ripensare a quell'attimo. Non mi sono rivista e quindi sarà una sorpresa anche per me vedermi domenica 14 settembre alle 10.30 del mattino su Rai 2. Mentre io preparavo i biscottini con la conduttrice Nina gironzolava libera per lo studio e non ho proprio idea di cosa abbia combinato, sono curiosa anche io di guardarla in tv.
Era la mia prima volta a Napoli e me ne sono innamorata, devo tornarci prima possibile per visitarla perchè non sono riuscita a vedere nulla. Sono riuscita però a percepire tutto il suo fascino, il calore delle persone, tutte molto gentili e disponibili, mi sono sentita a casa forse più che a casa mia.
E' stata Nina la vera protagonista di questi due giorni, coccolata da tutti, dal taxista al personale dell'hotel. Si sono avvicinati ad accarezzarla persino il nuotatore Rosolino (un gran bel pezzo di ragazzo), Alba Parietti in hotel se n'è innamorata e qualche personaggio della fiction "Un posto al sole", la cosa più incredibile è stato che questi vip abbiano notato noi anzichè viceversa. Nina è un vero personaggio ormai e ho ricevuto un sacco di complimenti, oltre che per la sua bellezza, anche la sua simpatia e dolcezza.
Seppure sia rimasta poco sono riuscita ad incontrare anche la mia amica Ada autrice del blog Sugar, la quale mi ha fatto assaggiare le sfogliatelle e il miglior caffe che io abbia mai bevuto in vita mia, ne conservo ancora gelosamente il sapore.
Un' esperienza incredibile e positiva sotto tutti gli aspetti, soltanto un po' di stress per Nina che è stata felicissima di essere tornata a casa a correre sui suoi prati verdi.  Mi sento molto fortunata e lusingata per essere stata scelta tra tante e tante persone, gasata è la parola che più si addice.
Non ho nessuna foto di questo viaggio perchè sono partita senza macchina fotografica, nel mio zainetto non c'era più posto e con il cellulare non ho ancora imparato a farle, troppo complicato per me.

La ricetta di oggi è uno smoothie detox perchè appena ho saputo di andare in tv sono corsa ai ripari, anche se in pochi giorni è stato impossibile rimettersi in forma, spero nella magia della tv capace di nascondere i difetti.









































Ingredienti per 2 persone:

2 kiwi
1 pompelmo
1 mela
1/2 ananas
un pezzetto piccolo di zenzero fresco
la punta di un cucchiaino di curcuma
qualche cubetto di ghiaccio

Frullate la mela (io ho prefeito sbucciarla, ma con la buccia ha più vitamine) con i kiwi, l'ananas, il succo di pomperlo, lo zenzero, la curcuma e qualche cubetto di ghiaccio. Se lo smoothie fosse troppo denso aggiungete poca acqua e se lo volete un pochino più dolce potete aggiungere dello sciroppo di agave.

La ricetta l'ho presa dal libro "Smoothies" di Estèrelle Payany, edizione Guido Tommasi.








































bicchieri, tovaglietta e cesta frutta Tine K Home

Buona giornata a tutti!!!
Sabina

sabato 30 agosto 2014

Crema alla ricotta

Buongiorno amici, buon sabato a tutti,
oggi salutiamo agosto con l'ultima ricetta del mese. Per settembre ho in serbo grosse novità e al solo pensiero tremo per l'agitazione, ma prima di svelarvi di cosa si tratta dovete attendere ancora un po'.
Siete curiosi??? E' qualcosa che farò con Nina.
Oggi il tempo non promette bene e quindi progetti per il week end non ce ne sono. Questa sera saremo ad una grigliata organizzata dal centro amici a quattrozampe dove porto Nina, speriamo che non piova.








































Ho preparato questi bicchierini dolci per un pic nic. Ho fatto dei muffin piuttosto piccoli aromatizzati all'arancia, la crema alla ricotta e completato con frutti di bosco.
Potete comunque preparare il vostro dessert con soltanto la crema alla ricotta e della frutta fresca.








































Ingredienti per 4 persone:

100 g di ricotta di mucca
125 g di yogurt bianco
50 g di zucchero a velo
1 foglio e 1/2 di colla di pesce
1 cucchiaio di succo di limone
1 pizzico di scorza di limone grattugiata
10 ml di Grand Marnier
200 ml di panna montata

Vi dico subito che per preparare i miei vasetti ho omesso il succo e la scorza di limone nella crema perchè avevo già i muffin aromatizzati all'arancia.

Mettete i fogli di colla di pesce o gelatina in ammollo in acqua fredda.
Mescolate la ricotta con lo yogurt,  lo zucchero a velo e il limone.
Sciogliete la gelatina a bagnomaria nel Grand Marnier, versate nel composto di ricotta e fate raffreddare.
Nel frattempo montate la panna e incorporatela delicatamente alla crema di ricotta.
Versate nei bicchieri e riponete in frigo, decorate con la frutta soltanto al momento di servirla.

Se volete fare i miei bicchierini preparate i muffin, fateli raffreddare perfettamente, adagiateli nei vasetti, versate la crema di ricotta appena fatta e riponete in frigo, mettete la frutta soltanto prima di gustarli.

Per la ricetta dei muffin all'arancia seguite questa senza mettere i semi di papavero.








































Buon week end a tutti!!
Sabina