domenica 11 gennaio 2015

Treccine dolci di pasta lievitata

Buona domenica sera a tutti,
come avete passato la giornata? Noi in assoluto relax, soltanto questa mattina abbiamo fatto una piccola passeggiata con Nina, ma il vento fortissimo ci ha subito invogliato a tornare a casa. Con il pensiero sono a Parigi, sono stata incollata quasi tutto il pomeriggio alla televisione. Questa sera però mi voglio distrarre con una puntata di "Il Segreto", care amiche questa telenovela mi prende molto e so di non essere l'unica. Abbiamo cenato presto, un piatto light con tofu glassato con zenzero, carotine a vapore e riso basmati che però mi piace moltissimo e che mi ha fatto tornare la voglia di preparare qualcosa di asiatico. Ho sfogliato i miei libri di cucina vietnamita e tailandese e domani sulla mia tavola ci sarà questa zuppa tipica di Hanoi, tra l'altro questo genere di cucina è perfetta per rimettersi in forma.
Il vento è talmente forte che mi fa perdere la concentrazione, mi fa saltellare da un pensiero  all'altro, mi ha fatto ricordare che oggi sarebbe stato il compleanno di mia mamma, sono passati ormai diversi anni da quando è venuta a mancare, quando ci penso mi rendo conto che mi manca terribilmente.
Alla sera faccio molta più fatica a scrivere i post, oggi ad esempio ho parlato di tutto e niente, meglio che vi scriva la ricetta delle treccine prima che inizi a sbadigliare.








































Queste treccine sono deliziose, ottime per la colazione, appena sfornate poi sono morbidissime.
Provate a prepararle la sera e cuocerle la mattina, magari durante il week end, sono irresistibili.










































Ingredienti per 7 treccine:

per il preimpasto:
25 g di lievito di birra
1 cucchiaio di zucchero
80 ml di latte tiepido

per la pasta:
300 g di farina
40 g di burro fuso
30 g di zucchero
2 uova
1 bustina di zucchero vanigliato o vanillina
1 presa di scorza di limone grattugiata
2-3 cucchiai di rum
1 pizzico di sale

1 uovo per spennellare
sciroppo di zucchero per spennellare
granella di zucchero per la decorazione finale

Preparate il preimpasto mescolando il lievito sbriciolato con lo zucchero e il latte, tutti gli ingredienti devono essere tiepidi, coprite e fate fermentare 20 minuti in forno a 35°.
Unite poi tutti gli altri ingredienti che devono essere a temperatura ambiente, iniziate con il rum, le uova, il burro poi lo zucchero, la scorza di limone, zucchero vanigliato, sale e infine la farina.
Impastate bene tutti gli ingredienti aggiungendo altra farina quanto basta fino ad ottenere una palla morbida ed elastica. Impastate fino a quando non si formeranno delle bolle, quindi coprite con un panno e fate riposare sempre nel forno a 35° per altri 20 minuti.
Dividete l'impasto in sette porzioni uguali, con il palmo delle mani ricavate da ogni porzione 3 salsicciotti grandi e lunghi uguali, unite i 3 pezzi ad una estremità e formate una treccia, in totale 7 piccole treccine.
Sistemate le trecce sulla placca del forno foderata con carta e fate riposare coperte per altri 20 minuti sempre al caldo.
Spennellate le treccine con un uovo sbattuto e infornate a 180° per 20 minuti.
Preparate lo sciroppo di zucchero con 3 cucchiai di zucchero e 3 cucchiai di acqua da far sciogliere sul fuoco.
Spennellate le treccine ancora calde con lo sciroppo di zucchero e cospargete con la granella.








































Buona domenica sera a tutti!!!
Sabina

14 commenti:

  1. Il primo pensiero è per la mamma, il secondo per queste trecce meravigliose. Buonanotte
    Ciao Isabel

    RispondiElimina
  2. Semplicemente stupende,assolutamente da provare. Uno dei primi tuoi post che ho letto parlavi di tua mamma e di quanto amorevolmente l'hai accudita e da quel momento ho compreso la bella persona che sei. Un abbraccio e buona settimana Helga

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, la mamma è sempre la mamma, e quando viene a mancare lascia un vuoto incolmabile, la mia ha perso la sua due anni fa e ancora oggi mi guarda e mi dice che se ci pensa le sembra ancora lì nella casa di cura ad aspettare la sua visita e lei si dice che deve andare, poi si sofferma, e pensa che non c'è più e le viene un grande nodo alla gola....io non voglio pensare a quando la mia mamma non ci sarà più anche se spesso mi capita di farlo, è normale, ha un'età, è una nonna, e come sua madre anche lei prima o poi volerà via lasciando quel vuoto pazzesco....poi mia nonna per me era come una seconda mamma, anche se non è lo stesso, comprendo il dolore lo stesso.
    Detto questo, come arrivano i prodotto che ho ordinato provo a fare la tua ricetta, queste treccine mettono il buon umore e sono salutari per una buona e diversa colazione.
    A volte, il divagare, serve per mettere ordine nella propria testa e nel proprio cuore, Sà!
    un abbraccio e buona notte.
    Vale

    RispondiElimina
  4. Sabi cara, un dolce augurio alla tua mamma♥le mamme sono tanto care e importanti, e per noi fanno sempre di tutto!!! La tua ti protegge da Lassù! !!! Anche noi siamo stati in casa, per il forte vento! Mia nonna è una super fan de Il segreto!!! Non ne perde una puntata! Io faccio le brioche in casa, soffici.Ora farò le tue deliziose treccine!!...Paris...j'adore♥ Buona giornata tesorino, con affetto Francy e Daisy

    RispondiElimina
  5. Guarda non dirmelo..non ho fatto altro nei giorni scorsi che seguire ciò che stava accandendo a Parigi. .-( no comment! Per il segreto.. bè.. io l'amo quella telenovela!!!!! Non mi perdo una puntata... :-D... Ora ci vorrebbe una delle tue briochine.. si vede che son golose e molto soffici.. Baci a te. una carezza a Nina..e buon lunedì :-)

    RispondiElimina
  6. Ciao Sabina, i pensieri sparsi sono spontanei e forse portati dal vento.
    Quelle treccine... Che acquolina mi fanno venire...
    Ieri ho impastato anche io dei panini dolci, soffici soffici; e che profumo rimane in casa!
    V.

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia..!! *____* Buona settimana!

    RispondiElimina
  8. deliziose davvero, io le proverò!

    RispondiElimina
  9. Sono a dir poco magnifiche!!! Non ho mai lavorato il lievito di birra ed inoltre in Francia non lo si trova facilmente come da noi, ma, mi é venuta una gran voglia di provarle perché oltre a presentarsi benissimo devono essere anche perfette per la colazione, magari, con un buon cappuccino:)
    Un bacione e speriamo a presto!!!
    Valeria

    RispondiElimina
  10. E se provassi a farle col lievito madre? Comunque sono davvero spettacolari, mi viene una voglia pazzesca di addentarne una!!! Buona giornata!

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Complimenti per il blog. Appena l'ho aperto mi ha trasmesso un senso di tranqullità e la vostra passione traspare moltissimo.
    Da poco ho aperto anche io un blog di dolci.se vi va date un occhio quando avete un po' di tempo!
    www.uninfinitadolcezza.blogspot.com

    RispondiElimina
  13. Un abbracciotto per questi pensieri che conosco (io ho perso il papà), un abbracciotto per il nuovo anno e mi segno la ricetta da provare per coccolarmi in una giornata di relax

    RispondiElimina
  14. Un abbraccio a te mia cara sabina, buon anno, e speriamo in meglio sempre. Un pensiero alla tua mamma.

    RispondiElimina