mercoledì 21 gennaio 2015

Zuppa di cavolo nero

Buongiorno amici,
oggi ho praticamente il pranzo quasi pronto e quindi posso dedicarmi un po' a voi.
Sono da poco tornata a casa con il mio nuovo acquisto e non vedo l'ora di provarlo. Volete sapere di cosa si tratta??? Ho comperato un cestino dove far lievitare il pane, pomeriggio mi metto al lavoro.
Oggi è la giornata giusta, sta nevicando e il forno acceso con la casa che profuma di pane è proprio quello di cui ho bisogno. Ho voglia di un buon pane integrale rustico, immagino già la colazione di domani con burro e miele. Naturalmente se il risultato sarà quello sperato non esiterò a mostrarvi di cosa si tratta in ogni dettaglio.
Durante le feste di Natale mi è venuta a far visita una coppia di amici toscani, mi hanno regalto un bellissimo libro " Il libro della vera cucina fiorentina" di Paolo Petroni e devo dire che mi sta appassionando, ho già provato diverse ricette, tutte ottime, come quella di oggi.








































Questa zuppa è davvero ottima e l'ho mangiata molto molto volentieri. E' soltanto da un paio di anni che a Merano riesco a trovare il cavolo nero. Se non ricordo male proprio l'anno scorso avevo preparato dei crostoni e un minestrone. Mio marito che rifiuta i cavoli, la verza e qualsiasi altra verdura che gli somigli il cavolo nero lo mangia.









































Nel mio blog potete trovare anche la ricetta del pane toscano che devo ammettere mi viene sempre molto bene.








































Ingredienti per 6 persone:

2 cavoli neri
1 cipolla
1 carota
1 gambo di sedano
2 pomodori maturi
1 patata grande
80 g di fagioli borlotti secchi
olio d'oliva
sale e pepe
6 fette di pane toscano casalingo

In una casseruola fate soffriggere in cinque cucchiai di olio la cipolla, la carota e il sedano tritati.
Appena prendono colore aggiungete i pomodori pelati e la patata tagliati a pezzi (io ho aggiunto anche qualche cucchiaio di passata di pomodoro per dare un po' di colore).
Lasciate insaporire un po' e aggiungete il cavolo nero tagliato a listarelle, i fagioli ammollati e 2 litri di acqua fredda.
Salate e cuocete a pentola coperta per circa 2 ore finchè i fagioli non siano ben cotti.
(Io ci ho aggiunto anche del peperoncino e devo dire che ci stava benissimo)
Tagliate il pane a fette, fatelo tostare bene, adagiatelo nei piatti con un filo di olio a crudo, pepe appena macinato e coprite con un mestolo abbondante di zuppa.








































Buon pomeriggio a tutti!!!
Sabina

8 commenti:

  1. Che bello quando nevica! Il forno acceso, il pane che cuoce...atmosfera perfetta♡ da noi niente neve purtroppo! Però fa freddo e quindi si ha voglia di casa.Sabato siamo andati alla benedizione degli animali , era la festa di S.Antonio Abate.e ho pensato a Nina.Virtualmente vi invio il pane benedetto che ci hanno donato♡anche i nostri amici toscani fanno questa zuppa..squisita! Buona colazione per domani tesoro! Bacioni a te e Nina:-*Francy e Daisy ♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara del pensiero
      un abbraccio

      Elimina
  2. Il cavolo nero è eccezionale.. per le zuppe è il top! Ne feci anche io una versione poco tempo fa.. ma la tua è decisamente da provare!!!! smackkkk

    RispondiElimina
  3. Con la neve fuori e questa zuppa fumante nel piatto non può che essere il paradiso in terra :-)
    Non vedo l'ora di godermi anche il tuo lievitato :-)
    Buona serata <3

    RispondiElimina
  4. Il Petroni è un must qui a Firenze e il cavolo nrro è più buono dopo le prime gelate! Saluti, bellissimo blog

    RispondiElimina
  5. Adoro il cavolo nero e adoro la zuppa che lo contiene, se poi ci aggiungo due fette di pane sono in pace con il mondo intero..... Che ricetta spettacolare sembra di sentirne il produmo.

    RispondiElimina
  6. perfetta per questi giorni freddissimi, la devo proprio fare!

    RispondiElimina
  7. perfetta per questi giorni freddissimi, la devo proprio fare!

    RispondiElimina