le due bionde

le due bionde

giovedì 30 agosto 2012

Dessert al ribes rosso

Buon pomeriggio care amiche,
prima di tutto rivolgo un pensiero ad un carissimo amico che qualche giorno fa ha perso il padre improvvisamente, vorrei fargli sapere che è nei miei pensieri e lo abbraccio.
Ieri mi sono goduta una splendida giornata in montagna in solitudine, si, ho lasciato a casa sia Elsa che marito. Ho camminato tanto e oggi ho tutti i muscoli indolenziti, mi sono goduta ogni attimo, solo quando si è soli ci si accorge di tanti particolari e si ha voglia di fare due chiacchere con gli abitanti del posto. Ero in compagnia della mia reflex, dell'odore del fieno, del canto degli uccelli. Ho fatto un bel giro attraversando i masi della Val d'Ultimo. Un contadino anziano con grembiule blu e cappello si divertiva giocando con i suoi coniglietti e voleva regalarmene uno, in un altro maso ho visto una cucciolata di labrador neri troppo teneri, in un altro ancora c'erano vitellini, caprette bianche, gattini e vendevano formaggio,  un altro contadino, vedendomi con la macchina fotografica, mi ha detto di osservare bene perchè ogni giorno da quelle parti veniva avvistata un'acquila. Ieri, posso dire di aver assaporato veramente la vita di montagna con tutti i suoi colori, odori, rumori. I contadini amano così tanto la loro terra e i loro animali che è un piacere osservarli ed ascoltarli.
A volte mi lamento perchè Merano non è esattamente il posto in cui vorrei vivere, Merano è la via di mezzo tra una grande città e un piccolo paesino di campagna. Ha gli svantaggi delle grandi città tipo traffico e inquinamento e gli svantaggi dei piccoli paesini, non abbiamo un cinema in lingua italiana e la libreria del centro è microscopica.
A Merano non ho avuto grandi possibilità di fare una carriera lavorativa, mi sono sempre dovuta accontentare. L'aereoporto più vicino è a Verona o a Innsbruck. Il turismo meranese non è di giovani.
Merano è la città perfetta per un pensionato, me ne sono andata più di una volta e son sempre ritornata.
A volte sento la necessità di andare da sola a camminare per rendermi conto che in fin dei conti sono fortunata, vivo in un posto meraviglioso. I dintorni di Merano sono da favola e in pochi km sono a Bolzano.
Purtroppo, molto spesso, si fa fatica ad essere felici per quello che abbiamo, vogliamo sempre quello che non possiamo avere. Ogni tanto basterebbe fermarsi un attimo e pensare a quanto siamo fortunati.

Qualche giorno fa ho visto al mercato il ribes rosso, l'ho comperato solo perchè mi piace molto esteticamente, non ho saputo resistere a quei grappolini rossi così decorativi.
In realtà questo frutto così asprognolo non mi fa impazzire mangiandolo in purezza e non conosco nessuna ricetta, mi piace moltissimo però la marmellata di ribes rosso.
La ricetta di oggi è pura invenzione.









































Ingredienti:
1 vaschetta di ribes rosso
qualche biscotto oro saiwa ai cereali
mandorle tritate
1 cucchiaio di miele
1 pezzetto di burro
zucchero di canna
1 yogurt bianco
1/2  bustina di zucchero vanigliato









































Ho mescolato lo yogurt con lo zucchero vanigliato e l'ho messo in freezer.
Nel mixer ho frullato i biscotti con il burro fino a farle diventare tante briciole.
In una padellina ho sciolto il miele e ho caramellato le briciole di biscotti, dopodichè le ho sistemate nei vasetti che ho riposto in frigo.
Ho lavato il ribes, l'ho sgranato e in una ciotola l'ho schiacciato con una forchetta, poi l'ho mescolato alle mandorle tritate e poco zucchero.
Ho tirato fuori lo yogurt dal freezer, nel frattempo ho versato il ribes nei bicchieri sopra la granella di biscotti. Ho fatto una pallina di yogurt da appoggiare sopra e mangiato.









































Era ottimo, provatelo.
Spero di riuscire a postarvi domani l'ultimo dolce del mese: una torta di prugne.
Buona serata
un bacione
Sabina

40 commenti:

  1. Ciao Sabina. Sono belle le passeggiate solitarie..quelle in cui ci sei solo tu con i tuoi pensieri...ieri ho ripreso a correre. Le temperature si sono abbassate, ed ora è davvero piacevole.
    Sono in ufficio, e in questo momento ho un sonno da paura..
    Mi piacciono questi vasetti..hanno un aspetto bellissimo, e poi sono anche light :)
    Bacio grande e buon pomeriggio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti preparo un caffe così ci svegliamo, anche io crollo dal sonno, Elsa mi sveglia sempre prima, oggi alle 5, non tiene più la pipì.
      un bacione

      Elimina
    2. Sabina..io verrei ora per il te... :D !

      Elimina
  2. Sabina... ma tu hai semplicemente ZONZOLATO eheheh Questo è esattamente quello che intendiamo io e Massi. Senza una metà (ma anche sì) e assaporando ogni passo, ogni profumo.. il TUTTO! Sia in cucina che in giro. :-) Quanto ti capisco! Merano la trovo splendida. Pensa a me che son passata dalla Toscana, dove vivevo quasi in città a un piccolo paesino in montagna in Trentino... robe che solo l'amore fa fare ehehhe La tua ricettina di oggi mi ispira un sacco e sebbene sia improvvisata ha un che di davvero delizioso :-) Ti mando un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non dirmi che vivi nel trentino e io non lo sapevo.....
      sei sempre carinissima, anche a noi piace zonzolare e curiosare qualsiasi cosa
      bacioni

      Elimina
  3. Sabina come te amo lo splendido momento che hai raccontato.
    Camminare e osservare la natura, catturarne i particolari sono attimi preziosi da custodire e condividere con chi si ama.
    Le passeggiate in solitudine sono quelle che più amo.
    E la tua preparazione Ribes é molto invitante.
    Un kiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie federica è bello poter condividere con chi capisce

      Elimina
  4. Amo passeggiare...ma qui lo si può fare prt solo affogando nello smog (Roma)!!
    Sono stata a Merano quando ero piccola e mi è piaciuta molto...sembra il posto ideale dove rifugiarsi... :-)!!
    La tua ricetta è uno spuntino perfetto!! Pensa io il ribes non so neppure che sapore ha!!
    Un abbraccio!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma a roma c'è tantissimo da fare, non credo ci sia solo smog e poi sei vicina al mare

      Elimina
  5. Che nostalgia Sabi, e che passeggiata da sogno! Una giornata fantastica,lo sarebbe stato anche per me e la mia famiglia....
    Purtroppo è vero che non si è mai contenti di quello che si ha! Come si dice "l'erba del vicino è sempre piú verde!".....visto che a te piace la zona dove vivo,che dici,di tanto facciamo scambio di casa ? :-D
    baciotto
    Erica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. farei cambio volentieri, te lo avevo già detto, l'unico problema è che il mio appartamento forse è un po' piccolino per 4
      bentornata, mi sei mancata

      Elimina
  6. Condivido con te l'amore-odio per la mia città! A volte il mio stato d'animo esalta in positivo o in negativo i suoi aspetti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si lo stato d'animo ci influenza parecchio, ma io me ne andrei comunque, ora è un po' impossibile e faccio di tutto per farmela piacere

      Elimina
  7. ...:) leggere la tua ricetta proprio mentre sto mangiando gli oro saiwa che mi sono portata in ufficio per la mia merendina, mi fa sorridere!
    Anch'io non amo troppo il sapore aspro in purezza del ribes, ma è ottimo anche in preparazioni salate. Io faccio il filetto di maiale con salsa di ribes al miele, gli amici lo trovano fantastico :)
    E a proposito di apprezzare quel che c'è, è un buon approccio, soprattutto perché se hai già fatto i tuoi tentativi di sganciarti e poi alla fine sei ritornata, significa che Merano è nel tuo Cuore. Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da noi si abbina molto il salato, arrosti vari con i mirtilli rossi che sono anche asprognoli, potrei provare un'insalata con il ribes
      purtroppo sono sempre tornata a merano per dovere, ci torneri volentieri solo in vacanza a Natale e a ferragosto, amo troppo le grandi città e il mare
      un bacione

      Elimina
  8. Ho letto con molto molto interesse il tuo post. Mi è piaciuta molto la descrizione della passeggiata. Mi è sembrato di essere con te. Tu dici di avere visto tante cose perché eri sola, sicuramente, ma credo che tu abbia visto tanto, perché sei una persona molto sensibile e le cose le vedi con amore e curiosità.
    L'amore traspare in ogni riga in ogni descrizione, i contadini, i loro masi, i conigli, i labrador.
    Poi mi è piaciuto molto quello che hai scritto di Merano. Ogni tanto vorrei vivere in una cittadina più piccola, e quando vedo le tue foto scattate a Merano, penso sempre che la città dei miei sogni esiste. Certo ci sono anche i lati negativi, ma credo che in ogni situazione ci siano pro e contro.
    Per ultimo il ribes, rispetto a te lo adoro, quel sapore asprigno mi piace molto, infatti lo abbino molto alle insalate, alla carne bianca.
    Il tuo dessert è davvero una delizia.
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che sono sempre stata molto curiosa e l'amore per la fotografia ha accentuato questa mia curiosità
      voglio provare anche io il ribes con carne e insalte, dev'essere molto buono

      Elimina
  9. Mi spiace per il tuo amico. Lo sai che avevo proposto a mio marito, una vacanza a Merano? Per quest'anno non è stato possibile, per il futuro chissà, mi piacerebbe tanto........
    I tuoi vasetti sono eccezionali.Qui da me i ribes, come tutti i frutti di bosco, non si trovano. Raramente ci sono, ma costano tantissimo.Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vieni a merano ti aspetto per un caffe

      Elimina
  10. Ciao Sabina,
    Come é vero che non siamo mai soddisfati con quel che abbiamo.... vogliamo sempre il contrario .... che fare??? E' la nostra natura...
    Ma se il posto é come l'hai descritto, be', verro' tra un po' li..
    E' un posto pieno di pace...
    Buono il dessert.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si per fortuna non sono l'unica ad essere così contorta
      quando vivevo a londra avevo nostalgia di merano, ora ho nostalgia di londra

      Elimina
  11. ciao Sabina avevo scritto un post, ma il testa del tablet non funzionava e non credo sia stato pubblicato. ci riprovo. hai ragione, il "più" degli altri spesso ci porta a non vedere le cose belle e preziose che abbiamo. in questo periodo io vedo proprio il più altrui e mi sento triste... cosa che ti assicuro non è assoluta,ente nel mio carattere, ma il tuo post mi ha fatto riflettere... grazie. un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo mia cara questi periodi tristi di insoddisfazione capitano a tutti, tu sei sempre così allegra e solare che mi fa strano sentirtelo dire, ti auguro che passi in fretta questo periodo, per farselo passare bisogna lavorarci un po' su
      questi periodi ci servono anche per crescere
      un abbraccio

      Elimina
  12. Ah la val d'Ultimo che bei ricorsi... Letto sul fieno e panini con uno speck da sogno, ho passato li qualche estate da piccola ed è ancora nel mio cuore... E le foto non ce le mostri? Io le voglio vedereeee.
    Nel frattempo mi prendo questo dolce, goloso e fresco :-) Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Ely ho messo tante foto delle mie montagne nell'altro mio blog "Margherite, farfalle e sogni"

      Elimina
  13. Quanto è vero quello che hai detto. Inseguiamo spesso la felicità cercandola in ciò che ci manca e non ci rendiamo conto che potremmo toccarla con mano tutti i giorni se solo imparassimo ad apprezzare veramente ciò che abbiamo e a godere delle piccole cose. A volte penso che l'insoddisfazione, la tendenza a lamentarsi continuamente sia insita nella natura umana. Basta guardare il tempo: fa freddo e vorremmo il caldo; fa caldo e vorremmo il fresco; mai soffisfatti. E così anche nella vita!
    Che tentazione i tuoi vasetti con quel ribes che mi piace tanto. Basterebbero quei chicchi rossi adesso a rendermi felice :) Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è pazzesco come noi che abbiamo tutto siamo sempre così insoddisfatti, ci basterebbe guardare i paesi poveri o i contadini
      dovevi vedere come si divertivano i contadini alla festa di ferragosto

      Elimina
  14. Avrei voluto fare quella passeggiata con te... Ma tu volevi andare da sola e io sono rimasta a casa!!! Anche io ogni tanto mi avventuro in passeggiate solitarie in mezzo alla campagna o al mare d'inverno che adoro. Ed è vero che da soli cogli tante cose che in compagnia ti sfuggono! Io nasco in una grande città dove lavoro e vado ogni giorno, ma vivo vicino al mare e alla campagna e non mi pento ancora di questa scelta. Peccato poterne godere così poco!
    Trovo anche io che il sapore del ribes sia troppo asprigno per i miei gusti ma come te lo adoro sotto forma di marmellata. E devo dire, a proposito della tua proposta di oggi, che hai avuto delle idee veramente geniali. Hai tirato fuori un dessert veramente inusuale, bello da vedere, e ottimo da mangiare! Un abbraccio bella bionda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima, che sia ben chiaro, a me piace molto anche passeggiare facendo due chiacchere con un'amica e magari poi fermarsi a bere un caffe
      bellissimo passeggiare in riva al mare

      Elimina
  15. Che bella ricetta, non ho mai assaggiato il ribes!!! Io invece sono pugliese..eppure dopo solo un mese mi stanco del mare e desidero la montagna (anche perchè qui sino a settembre c'è un caldo afoso ed io adoro il freddo)...siamo davvero incontentabili :)
    Baci
    Yle

    RispondiElimina
  16. Non ci posso credere... hai lasciato a casa addirittura Elsa!!! Avevi proprio voglia di una passeggiata in solitario, tu e la tua reflex. Chissà che foto meravigliose sarai riuscita a scattare. Non voglio proprio perdermele!
    Anche a me il ribes non è particolarmente simpatico, ma è troppo bello da fotografare. E' sempre così perfetto anche per le decorazioni.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  17. Ciao Sabina! sono tornata da poco e con piacere scopro un'altro tuo bellissimo post! la ricetta sarà inventata ma è deliziosa ! brava, fai bene a prenderti delle pause da tutti e da tutto! ti abbraccio forte! francy

    RispondiElimina
  18. HO L'ACQUOLINA IN BOCCA ANCHE SOLO A GUARDARLO...NON OSO IMMAGINARE SE POTESSI ASSAGGIARLO...UN BACINO

    RispondiElimina
  19. Capisco l'insoddisfazione e la conosco bene.. Pure io non sono mai contenta di quello che mi circonda! Merano ricordo pure io che aveva dei bei dintorni, per come sono fatta io so che mi mancherebbe il mare ma i posti da voi mozzano il fiato e potersi rigenerare in mezzo alle montagne è bellissimo!
    E' incredibile che tu sia riuscita a tirare fuori una bella ricetta da un frutto che nemmeno ami! il ribes è bellissimo (a me piace anche da mangiare)
    Un bacio a presto:**

    RispondiElimina
  20. Hai ragione
    spesso non riusciamo ad apprezzare appieno quello che abbiamo ma poi basta un'attimo,una passeggiata...un pensiero..un'immagine e tutto cambia!!!!!!!!Mia dolce Sabina il dessert è delizioso!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  21. Ciao cara.
    A me non piace passeggiare in solitaria ... preferisco avere sempre compagnia (ovviamente se buona).
    Credo anche io che per natura l'uomo non si accontenta mai e naturalmente questo atteggiamento ha i suoi pro e contro ... dovremmo cercare più spesso di fermarci e pensare, vivere più il presente che il futuro ... invece corriamo corriamo e siamo sempre avanti di qualche mese con la mente ...
    I ribes li uso poco in cucina ... i miei hanno una piantina ma ne mangio sempre davvero pochi ...
    L'unico utilizzo che ne faccio è forse come decorazione su qualche dolce ma mi ha incuriosito l'eventuale utilizzo con la carne ...
    Fortissimo il tuo dessert, ne rubo un cucchiaio!
    Un bacioneee
    Un bacio

    RispondiElimina