sabato 3 marzo 2012

"Etcetera ETC." il gusto di arredare con le cose che si amano - Sibella Court -

Ormai è da qualche giorno che mi addormento sul divano alle nove di sera e mi sveglio alle 11, è capitato anche oggi  e ora sono qui.
Oggi non ci sarà nessuna ricetta, vorrei parlarvi di un libro: ETCETERA ETC. il gusto di arredare con le cose che si amano di Sibella Court.
Una mia grande passione è sempre stata quella dell'arredamento ereditata anch'essa da mia mamma.
Ricordo che da bambina tornavo a casa da scuola e trovavo molto spesso la disposizione dei mobili di tutta la casa cambiata completamente, mia mamma non si dava pace e da sola spostava tutto, anche mobili molto pesanti.
Io sono tale e quale a lei, ho sempre voglia di rinnovare l'appartamento.
Come già sapete, mia mamma non c'è più da qualche anno e io ho voluto conservare tutte le cosine alle quali lei teneva molto, anche i mobili del salotto e della sala da pranzo (ho riempito 3 cantine).
Dovete sapere che ho ristrutturato casa mia e di mio marito 4 anni fa, bellissimo.....tutto nuovo e giovane, ma il mio desiderio è sempre stato di comperare un giorno un appartamento più grande per poter adattare tutti i mobili di mia mamma.
Casa mia oggi è un miscuglio di stili perchè giorno dopo giorno porto in casa qualche pezzo dalla cantina ed è per questo motivo che ho ricevuto in regalo da mio marito questo libro.
Sono arrivata alla comclusione che la casa non è una vetrina e che lo stile deve essere istintivo e personale. Sono molto più felice circondata da tutti questi oggetti che hanno una storia e un loro perchè.
Al momento sto ristrutturando casa di mia mamma che affitterò e la prossima settimana ci sarà uno stravolgimento completo. Trasferirò il mio divano nuovo e moderno, con mobile Tv, tavolo e sedie a casa di mia mamma. A casa mia porterò dalla cantina una vecchia credenza, un divano stile barocco con tavolo e sedie. Con il tempo vorrei dipingere i mobili e cambiare fodera a divano e sedie.
Sono veramente emozionata e non vedo l'ora arrivi quel giorno, sarà un ritorno al passato nel vero senso della parola.
Nella credenza poi avrò lo spazio per mettere tante cosine che sono ancora in cantina impolverate e inutilizzate.
Insomma questo libro mi ha dato lo spunto per lanciarmi in questa impresa senza paura e mi ha fatto capire che la casa è il nostro nido dove ritroviamo tutto il calore che ci serve.
Fino a poco fa volevo la casa perfetta, la casa da esibire, la casa da rivista di arredamento, tutto doveva essere nuovo senza graffi e ammaccature. Oggi il vecchio e rovinato non mi spaventa più, mi affascina e ne sono felice. Grazie Sibella Court.
Un giorno mi trasferirò nella vecchia casa di mia mamma, ora non posso, è troppo complicato da spiegare.
Al momento la sto ristrutturando, ma sono felice di aver tenuto le vecchie finestre e porte di legno.
Le sto sistemando io con stucco, carta vetrata e pennello. E' un lavoro molto faticoso, ma mi sta dando molta soddisfazione.

Auguro a tutti un buon fine settimana!!!!!
Sabina

48 commenti:

  1. Mi hai veramente toccata questa notte con queste parole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è l'età credo, più passano gli anni e più voglio stare ben ancorata ai ricordi. grazie

      Elimina
  2. Tu ti sei appena svegliata dal "pisolino" io sto per spegnere il pc e andare a letto. E' stata una settimana pesante e ho davvero bisogno di riposo.
    E' bello cambiare l'aspetto della propria casa. In fondo è un po' come un taglio o un colore di capelli, ogni tanto prende quella voglia incredibile di cambiamento e rinnovamento.
    I mix di stili mi piacciono tantissimo, moderno e antico insieme. A saperli abbinare sono fantastici.
    Se mai riuscirò a trovare casa ti chiamerò per una consulenza sull'arredamento.
    Adesso ti auguro una buona notte e ti lascio un grande abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei alla ricerca della casa dei tuoi sogni???? ti auguro di trovarla presto, ma per il momento puoi ancora sbizzarrirti con la fantasia e i sogni. Il giorno in cui avrai la tua casina non potrai più sognarla perchè il sogno è diventato realtà e perde di valore. Sono convinta di questo perchè è capitato anche a me.

      Elimina
  3. Sabina, che bello questo post.
    Ormai mi conosci attraverso il mio blog, sai della mia passione per l'arredamento, per la cura della casa, ma soprattutto del mio amore per le cose vecchie, soprattutto se appartenute a persone care che non ci sono più, e non posso non essere d'accordo con quanto dici.
    Gli oggetti appartenuti ai nostri cari sono dei tesori da custodire con amore e da esporre con orgoglio.
    Il libro non lo conoscevo e mi hai incuriosita parecchio, la prossima volta che andrò in libreria lo cercherò sicuramente
    Buon week end anche a te
    (le foto, mamma che belleeeeee!!!)
    Erica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh Erica se fossimo vicine di casa quanti consigli ti chiederei!!!!
      Attenzione a quel libro, potrebbe invogliarti a rivoluzionare la casa......E' PERICOLOSOOOOOO!!!!

      Elimina
    2. Beh ognitanto ci possiamo trovare a meta' strada! ;-D che dici? Intanto confido di vederti in luglio!
      Quanto alla casa,,è da 8 anni che c viviamo ed è da 8 anni che continuo a modificarla,completarla..quanto mi piace e per fortuna mio marito mi asseconda.baciotto

      Elimina
  4. Non posso che essere d'accordo con te!
    Un bacione.
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Silvia, ormai ti ho un po' conosciuta attraverso il blog e non avevo dubbi tu fossi d'accordo con me. Vengo spesso a curiosare nel tuo blog per fantasticare un po'. Grazie.

      Elimina
  5. Cambiare decorazioni e persino spostare i mobili è una cosa che faccio da quando sono piccola, mi piace troppo, mi fa sentire meglio!! Il fiore bianco è bellissimo, a me piace moltissimo l'orchidea della sia ma costa davvero tanto...quando non sarò più studentessa ma lavoratrice sarà mio di sicuro :) A presto
    Claudia
    http://petitecuilliere.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il fiore bianco è una fresia. Anche io ho questo vizio fin da bambina.
      Più tardi vengo a scoprire il tuo blog

      Elimina
  6. Mi capita spesso la sensazione di trovarmi nel mio salotto e sentire che qualcosa e' fuori posto, qualcosa manca, qualcosa e' in piu'.. E di non riuscire ad identificare cosa.. Mi guardo attorno, inizio a spostare cose e poi a rimetterle dov'erano, poi risposto..insoddisfatta.. Credo la chiave di questa soddisfazione sia nelle tue parole del post.. "oggetti che hanno una storia ed un perche'".. Credo siano quelli a rendere la casa quel nido caldo e sicuro che cerco.. Grazie.. X aver condiviso. . E per la dritta del libro! Buon weekend,
    Luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Luisa, io ci ho messo un po' a capirlo, ma non è mai troppo tardi.
      Ho ristrutturato casa esattamente come volevo, all'inizio ero felice, ma poi sentivo che non mi dava emozioni, era troppo fredda e senza ricordi. Ho capito di aver fatto una stupidaggine con la ristrutturazione guardando delle foto con la casa come era prima e mi è presa una tale nostalgia.....indescrivibile....
      A volte mi costringo a non affezzionarmi ai beni materiali, ma è più forte di me, mi affezziono troppo.
      Io poi forse sono troppo complicata, sicuramente appena cambierò avrò nostalgia dei miei mobili moderni.....sono un vero disastro!!!!!

      Elimina
  7. Anch'io sposto,cambio,giro,metto e tolgo e anch'io con il tempo ho capito che sono gli oggetti con una storia a riempire quegli spazi vuoti che vedo...la loro storia! Sono davvero emozionata per te, per il cambiamento...Ti abbraccio e passa uno splendido fine settimana!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sapessi invece come è "contento" mio marito.....beh per fortuna mi capisce e sopporta

      Elimina
  8. Fosse per me cambierei qualcosa ogni giorno, il maritino non é esattamente dello stesso parere! Complimenti, la prima foto é splendida. Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche mio marito non è molto favorevole, ma sopporta. Se fosse per lui la casa sarebbe vuota.

      Elimina
  9. Ciao Sabina, che belle immagini e che belle parole! E' tanto che non passo a trovarti, oggi mi faccio una full-immersion di quello che mi sono persa!

    Buon fine settimana!
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io è da un po' che non ti faccio visita e mi dispiace.....il tempo è troppo poco per seguire tutti come vorremmo, ma cercherò di recuperare perchè i tuoi post sono sempre deliziosi.

      Elimina
  10. Condivido pienamente con te ogni tuo pensiero di oggi...le nostre case devono essere come siamo e vogliamo noi, secondo il nostro stile e la nostra storia...basta con questa "gara" a chi ha la casa più bella e più nuova e più da rivista! Ognuno ha la casa che gli piace avere e in cui gli piace stare, nooo???
    Un abbraccio e buon fine settimana!
    Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Grazia, lo stile dipende anche tanto dallo stato d'animo.
      Anni fa avevo bisogno di ordine interiore e quindi ero molto minimale, ora invece più ce n'è meglio è. Prima facevo fatica anche ad appendere un quadro.

      Elimina
  11. Anch'io son d'accordo e il libro mi incuriosisce....Ciao ragazze, buon fine settimana!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, grazie e buon fine settimana anche a voi

      Elimina
  12. Gli oggetti o i mobili a me cari mi fanno sentire meno sola, e parte di qualcosa, di una storia, che non voglio che venga dimenticata. In casa ho un vecchio tavolo di legno di mio nonno che faceva il sarto e sul quale tagliava la stoffa per i vestiti. Quel tavolo è sempre stato nel suo negozio e quando mio padre ha chiuso l'attività l'ho voluto conservare. L'ho tenuto in cantina, periodicamente pulito e trattato. E quando mi sono messa a cercare casa, ho scelto l'unica che poteva contenerlo (è alto e lungo). Non me ne separerei mai! E' un modo per ricordarmi chi sono e da dove vengo. Bello il libro, mi incuriosice parecchio! hai un gusto fantastico per l'arredo, a giudicare dalle tue foto! bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai fatto benissimo a tenere il tavolone del nonno, immagino sia anche molto bello e poi oggi non fanno più i mobili di una volta.

      Elimina
  13. Sabina il tuo post mi ha particolarmente colpita perchè ...hai fatto la descrizione di quello che era/è mia mamma ....e io.
    Ancora adesso che ha 79 anni ama spostare i mobili inn casa per cambiare aspetto in continuazione ai vari locali...e il mio "santo" papà la accontenta (pitturando perfino le pareti in colori diversi)
    e io???..io sono uguale, sono alla continua ricerca del particolare del mobiletto... dell'accessorio "quasi" tutto acquistato ai mercatini delle pulci.
    ora sono nel periodo provenzale/country/shabby ... e il bello è che mio marito con me è molto accondiscendente!!
    buon fine settimana e grazie per il suggeriemento del libro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che mio marito si fida del mio gusto e mi lascia abbastanza libera scelta. Anche a me piace molto lo stile provenzale, shabby e country, mi è sempre piaciuto fin da ragazzina. Qualche anno fa invece quando ho ristrutturato casa ero molto sul moderno e minimal, ora invece sono tornata sui miei passi. Diciamo che l'appartamento è piccolo e avevamo intenzione di allargare la famiglia, forse inconsciamente mi piaceva minimal per lasciar spazio ad altre cose.
      ora invece ho voglia di riempire quelli spazi vuoti e incomincio con l'arredamento.

      Elimina
    2. vorrei mandarti un bacio che non ha la pretesa di riempire degli spazi... ma vuole essere comunque un pizzico d'affetto in più .. che non fa mai male!

      Elimina
    3. grazie Marina, sei carinissima e dolcissima.....mi fa molto piacere comunicare con te
      un bacio gigante

      Elimina
  14. ciao Sabine! Non capisco come, non ti avevo mai trovata fino ad ora, ma questa tua casuccia virtuale mi piace già solo al primo sguardo. Questo post in particolare, che parla di casa, dato che mi occupo di interior design da una vita, mi porta a riflettere quanto in me convivano in fondo due anime: quella essenziale e minimalista, dalle geometrie rigorose che ti trasmettono una sorta di ordine, quasi più interiore che estetico. Ma ho anche l'anima di cui parli e che il libro ti ha fatti "sentire", quella dell'estemporaneità e del passato che convive nell'oggi, che mi piacerebbe tanto esprimere.. l'ideale sarebbe avere due case, perché purtroppo queste due anime possono convivere in me ma non nella stessa casa ahimé!
    Un abbraccio, salutami Merano e la vla Venosta, luoghi che amo tantissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Cinzia, io invece ti conosco e sono già passata da te......spero di non sbagliarmi, ma non credo.
      innanzi tutto piacere di conoscerti e benvenuta. Sarebbe piaciuto anche a me occuparmi di interior design.
      Come ho spiegato sopra a Marina credo che anche l'arredamento sia influenzato dal nostro stato interiore, si, ci vorrebbero più case, quella in città e quella in campagna, quella al mare e quella in montagna, solo per appagare la nostra voglia di modifiche e cambiamenti.

      Elimina
    2. ..si, il tuo commento l'ho visto nei giorni scorsi e infatti riesco a passare solo ora, acc. il tempo.. e magari avere due o tre case! ma non dispero vah!

      Elimina
  15. ti capisco, anch'io ho ristruttrato casa e dipinto finestre ecc, è stancante ma dà soddisfazione! è bello mescolare gli stili e le cose nuove con i ricordi di famiglia, perché la casa diventa più "nostra"! un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao cara, tra poco casa mia diventerà un museo, vorrei esporre tutto in bella vista.

      Elimina
  16. Cara Sabina ogni volta leggerti è un piacere, parli di te, della tua vita, ed è come se parlassi anche un po' di noi, che amiamo le cose semplici di ogni giorno e ci dedichiamo con amore a coltivarle. E' bello sapere che esistono ancora persone così. La mia casa è un piccolo nido ma parla di me in ogni angolo e ogni giorno si arricchisce di qualcosa di mio. Buon lavoro quindi, io sono tornata a Firenze ieri sera e oggi subito un piatto fiorentino, per ridedicarmi al blog dopo un paio di giorni di assenza virtuale e per soddisfare la gola di Luca, chè ogni volta che viene da me smania per la cucina toscana.
    A presto, un abbraccio

    RispondiElimina
  17. ...e finalmente ho rivisto l'amore di mamma ( Nebbia ), quanto mi è mancato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Celeste bentornata, dopo vengo a vedere cosa hai preparato al tuo Luca di buono. Chissà quante feste ti ha fatto Nebbia!!!!

      Elimina
  18. La casa è il nostro rifugio, deve essere simile a noi. E' come un vestito nel quale devi sentirti comoda, a tuo agio, bella, elegante. Deve rappresentare il tuo stile. Anch'io la mia non l'ho arredata tutta subito, ma mano a mano compro un tavolino, un mobiletto, una poltroncina in sintonia con il mio gusto.
    Dalle foto che posti, la tua casa dev'esssere molto bella, eppoi mi piace tanto che tra i mobili ci siano quelli di tua madre, per te molto cari e pieni di ricordi.
    Ti abbracco cara Sabina, buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai cosa Giovanna, sarebbe troppo bello cambiare arredamento con la stessa facilità si cambia un vestito. A me a volte basta cambiare un cuscino, un tappeto ecc...

      Elimina
  19. Ma guarda quante cose in comune che abbiamo... in casa mia però ero io a far girare i mobili, cambiargli colore e destinazione, penso che ero l'unica adolescente che invece di comprare riviste di moda comprava cose di casa, casa facile ecc. Quando entro in casa di qualcuno ho già spostato con la mente tutti i mobili, e non ti dico quando cercavo casa, anche un tugurio lo immaginavo trasformato!
    Altra cosa in comune... non so se hai notato che da un mesetto il barattolo di nutella che era il mio "avatar" nei lettori fissi è diventata una fresia. A S. Valentino mio marito non mi ha portato rose rosse... ma fresie profumatissime (finalmente ha imparato eh eh) il mio fiore preferito in assoluto!
    Buon fine settimana cara Sabina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Tiziana, sono andata a vedere la tua fresia ed è bellissima.
      Anche io compravo cose di casa e casa facile, ma anche marie claire mason ecc.... Quando abitavo a londra trasformavo sempre le stanze delle mie coinquiline. Eppure non è una fissa di noi donne perchè conosco amiche alle quali non gliene frega niente della casa......hanno delle case così fredde e impersonali......non le capisco, una donna dovrebbe sempre rendere la propria casa accogliente.

      Elimina
  20. E' sempre un piacere leggere i tuoi post. Condivido quasi tutto di ciò che hai detto, tranne che io sposto pochissimo i miei mobili! Ma mi piace veramente molto restaurare cose vecchie per dar loro nuova vita... sono persino arrivata a costruire mobili (con il marito compiacente)! che soddisfazione... prima o poi ne parlerò sul blog...
    Buona domenica e un bacetto alla piccola di casa

    RispondiElimina
  21. Andresti d'accordissimo con mia moglie....sai quante volte rientrando dal lavoro trovo tutto disposto diversamente!!! è una lotta continua. Concordo sul rispolverare la credenza, a me manca quella di mamma, ma ne ho una simile e sono contenissimo perchè mi lega a ricordi...Per il contest non preoccuparti ci sono 12 mesi di tempo. Adesso ti auguro una buona Domenica e nel frattempo vado a perendermi un cucchiaino di crem caramel...Ciao. :-)

    RispondiElimina
  22. Cara Saby, è davvero bello quello che hai detto e ricordare le persone care aiuta ad andare avanti e tornare bambini.
    Sei una persona speciale. Quando ristrutturerò il mio appartamento ti chiederò qualche consiglio.
    Sono talmente emozionata...non so piu' cosa dirti.
    Grazie, di essere passata a farmi un saluto.
    Le mie bambine mandano una carezza ad Elsa.
    Buona domenica!

    RispondiElimina
  23. Ciao tesoro! E' sempre bello leggerti ^.^ Che belle foto, la tua casa deve essere bellissima...un sogno *.* non importa seguire stili, l'importante è che ci stai bene tu... home sweet home!

    Baci a tutte e due ^.^

    RispondiElimina
  24. Ciao cara, finalmente sono riuscita a ritagliarmi un po' di tempo per leggere i tuoi post arretrati..settimana infernale!Sono molto felice che tu sia giunta a queste conclusioni, sono sempre stata una sostenitrice delle case con personalità. Purtroppo oggi con l'ikea che impazza e i pochi soldi a disposizione rischiamo di avere le case tutte uguali. Invece basta la fantasia, i ricordi, e la voglia di fare e si possono avere risultati spettacolari...un po' come in cucina ;-)
    Se ti serve qualche dritta sul fai da te fatti sentire, noi siamo veri "patiti" del recupero!! Un abbraccissimo come sempre

    RispondiElimina
  25. Ancora mi piacciono le cose nuove...più tardi..non so ....Con il tempo cambiamo tutti. Belissime le fresie!!!Ora ti mando una foto con le mie piante,ciao

    RispondiElimina