le due bionde

le due bionde

lunedì 25 giugno 2012

Polpette con feta, melanzane e tzatziki

Buon pomeriggio amici miei, 
oggi non so ancora come volverà questo post, la giornata è iniziata veramente male.
Ho un gran mal di testa e non riesco a capire da cosa sia dovuto, se dalla pressione bassa,  da questo tempo balordo, dal non essermi asciugata i capelli oppure dalla grande incazzatura che ho.
Dovete sapere che il giardino di casa mia confina con quello di una scuola elementare con tanto di mensa, palestra e campo giochi asfaltato. Fino a questa mattina i due cortili erano divisi da una bellissima siepe molto alta sempreverde che mi dava la sensazione di vivere in mezzo alla natura, urla di bambini a parte. Ora dal mio balcone, montagne a parte, si vede solo asfalto, cemento e ferro.
Non riesco proprio a dare una spiegazione a tutto ciò. Perchè tagliare una bella siepe sana e verde a fine giugno??? Non hanno solo spuntato la siepe, l'hanno amputata nel vero senso della parola, non hanno lasciato nemmeno una fogliolina. Per quel poco che capisco io di piante credo che in estate avvenga il processo di fotosintesi clorofilliaca e quindi forse non è il momento migliore per tagliare. Le piante attraverso le foglie si nutrono dell'energia solare.
La cosa che mi sconvolge di più è che solo un vicino si è lamentato, qualcuno ha detto: "per fortuna hanno fatto un po' di pulizia!", qualcun'altro non si è nemmeno accorto.  L'essere "umano" è arrivato veramente al limite: sono stati tagliati degli alberi perchè le foglie sporcavano il suolo e nel mio cortile qualcuno taglia le rose prima che sboccino perchè i petali sporcano l'erba.
In quella siepe tanti uccelli avevano fatto il nido, ma all'essere "umano" questo non importa.
Potrei scrivere tante cose spiacevoli su Merano, sul nostro sindaco, ma l'unica cosa da fare è lamentarsi direttamente con chi ne è responsabile ed è quello che farò.
A Merano sono tutti fissati con l'ordine e la pulizia, ma quando è troppo è troppo, capita purtroppo spesso che qualche bel viale alberato nel corso di una notte rimanga spoglio, un bellissimo parco con alberi secolari nel cuore della città ha lasciato spazio ad una grande piazza vuota e piastrellata con tanto di parcheggio sottostante.
In questo momento sogno l'Africa, questa terra ancora vergine, incontaminata, che il suo popolo rispetta. Non voglio vivere in mezzo all'asfalto e al cemento, voglio svegliarmi la mattina con il canto degli uccelli, in estate voglio godere dell'ombra degli alberi e voglio sentire l'odore della terra quando piove.
Ora sono talmente fuori tema che sarà difficle ricollegarmi alla mia ricetta.










































Questa ricetta, "tanto per cambiare",  è di Donna Hay. Marco del blog "Una cucina per Chiama" ha detto che il prossimo libro di Donna si intitolerà "Ricette per Sabina" :))))
Queste polpette mi hanno fatto disperare, quando veniva bene la salsa non riuscivano bene le polpette e viceversa. Ho voluto però farle e rifarle perchè sono troppo buone.










































Ingredienti per 36 polpettine circa:
400 g di melanzane tagliate a pezzettini
2 cucchiai di olio d'oliva
500 g di carne macinata di manzo
10 g di prezzemolo tritato
10 g di menta tritata
2 spicchi d'aglio tritati finemente
1 cucchiaio di scorza di limone grattugiata
200 g di feta sbriciolata
sale e pepe
olio extravergine d'oliva

Scaldate il forno a 180°. Mettete le melanzane su una teglia con l'olio e arrostite per 30 minuti circa finchè sono dorate. Lasciate raffreddare.
In una ciotola mettete le melanzane, il macinato, il prezzemolo, la menta, l'aglio, la scorza di limone, la feta, il sale e il pepe. Amalgamate bene il tutto e formate delle polpettine.
In una padella antiaderente grande, su fuoco medio mettete un cucchiaio di olio d'oliva e cuocete le polpette 3-4 minuti finchè sono dorate. Mettetele su una teglia e infornatele per 5-6 minuti.

Ingredienti per la salsina tzatziki:
560 g di yogurt greco naturale e denso
1 cetriolo grattugiato
2 cucchiai di menta tritata
1 spicchio d'aglio schiacciato
1 cucchiaio di miele
1/2 cucchiaino di cumino in polvere
sale e pepe bianco

Mescolate in una ciotola tutti gli ingredienti.













































Qualche mio consiglio:
Per le polpette vi basterà seguire bene le istruzioni per evitare pasticci, a me non venivano bene perchè facevo di testa mia: la prima volta avevo grigliato le melanzane senza olio ed erano troppo secche, poi le ho cotte in padella ed erano troppo morbide.
L'importante è sbriciolare bene la feta e amalgamare molto bene il tutto.
Per la salsina: a me è piaciuta di più senza miele e senza aglio. Non frullate tutto assieme altrimenti vi diventa liquida come quella che c'è in foto.
Ora devo proprio scappare, ho appuntamento con il falegname.
Buona serata.
Sabina


59 commenti:

  1. Cara Sabina, ti capisco perfettamente..anche io mi sarei sentita male nello stesso modo. La penso esattamente come te. Io mi affeziono visceralmente alle piante..che stronzi che sono stati. Anche la nostra vecchia amministrazione, assai spesso, ha deturpato il paese eliminando alberi, piante, aiuole..è una vera tristezza. A volte si perde totalmente il senso delle cose e non si riesce più a godere o apprezzare di ciò che di bello esiste in natura.
    La tua ricetta di oggi è meravigliosa :) Un abbraccio grande :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io mi affezziono tanto alle piante e oggi mi sento in lutto, sarò esagerata, ma guardo il balcone e mi viene da piangere.

      Elimina
  2. sono una meravigliaaaaaaa!!! le divorerei tutte!!

    RispondiElimina
  3. Che peccato! Anche a me dispiace sempre quando il verde viene rimosso, è il nostro unico polmone della città ed è un vero peccato che venga sostituito all'asfalto. L'unica ragione che mi può venire in mente per un gesto del genere è che quella pianta creasse qualche allergia a qualche bambino. Passando alla tua ricettina, direi che è squisita e la salsina mi piace un sacco! Buona settimana! Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non credo proprio che sia quello delle allergie il motivo, se ne fregano anche dei bambini

      Elimina
  4. Anch'io amo le piante e anche sul balcone ne tenevo tantissime....e il concetto di pulizia che ha come obbiettivo quello di ripulire la città da erbe e petali anche a me pare assurdo..Mi spiace Sabina mi sarei arrabbiata anch'io e fai bene a protestare...Sono con te
    e per la ricetta ...buone queste polpette e poi io adoro lo taztziki!!!!
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh Renata che tristezza, mi sembra che mi hanno tagliato un braccio

      Elimina
  5. Secondo me il tuo malessere è dovuto all'arrabbiatura, io avrei tirato il collo a qualcuno! Ma come è possibile tagliare una siepe a Giugno, diciamo Luglio! Ci si mette una vita per vederla rigogliosa e poi....E dico: se è stata impiantata una siepe ci sarà un motivo altrimenti avrebbero messo arbusti, fiori o qualcosa che non crescesse per dividere, separare, proteggere, tipiche funzioni di una siepe!
    Porta pazienza!
    Consolati con le tue polpette che trovo meravigliose, da copiarti assolutamente. Grazie!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, qui a furia di consolarsi per qualcosa si diventa tutte ciccia e brufoli

      Elimina
  6. Non me lo dire Sabina, si vede che è giornata. Non ho mal di testa per fortuna ma un 'intorcinamento' di stomaco mostruoso. Pensa che è da ieri che hanno iniziato i lavori fuori da casa mia, ma chi ci pensava.. morale: ero felice di vedere in questo posto orrendo due o tre file di alberi, in cui mi rifugiavo mentre andavo a trovare il nonno al cimitero. Stamattina esco e che vedo?? Ruspe, alberi divelti, terra bruciata e asfaltata. Il NULLA, la mancanza totale di rispetto.. non ho parole: e un signore mi fa 'Vede? Che fortuna, avrà l'ingresso della supertrada davanti casa!' Credo di aver sentito le vampate salirmi da dentro, insieme alle maledizioni per quegli idioti che spero ci soffochino nel cemento.. che ci si uccidano, che si levino da sta terra che sopporta pure troppo l'ignoranza. Quello che è successo a te.. ennesimo esempio di pulizia che rasenta l'ignoranza più gretta. Scusa lo sfogo ma non è giornata nemmeno per me....

    Menomale che c'è la tua ricettina e.. visto che nella tua tzatziki c'è pure il miele.. forse riuscirà a calmarmi visto che sono un Winnie The Pooh mancato....
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è tutta questione di ignoranza

      Elimina
  7. Ma a giugno non si dovrebbe tagliare nulla, anche da me hanno tagliato 4 piante bellissime che fanno dei fiori stuopendi, amputate 2 settimane fa senza pietà...bah non capisco! mi consolo con queste polpette deliziose! buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a me risulta che a giugno non si taglino le piante

      Elimina
  8. quanto gusto in queste polpette e quanta cattiveria nel buttare via una siepe che deve esser stata fantastica a vedersi. Si, come dici tu, molti scempi vengono fatti in nome dell'ordine e della pulizia, ma la maggior parte delle cose sono gesti che tendono solo a inaridire la città. Qui a Trieste c'è un angoletto che una volta era molto bello, ora le piante sono state lasciate seccare e tutto perché non si sono ancora decisi se lasciare il giardientto o ricavare 4 (e non di pi eh) posti auto a pagamento...Un abbraccio cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si tutti parcheggi e posti macchina.....che schifo!!!

      Elimina
  9. Credo seriamente che l'incapacità di riconoscere il bello e l'assoluta mancanza di spinta a crearlo intorno a noi siano fra i mali più grandi della nostra società. A volte l'apparenza è anche sostanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma è così impossibile da comprendere????

      Elimina
  10. Anch'io sapevo che a Giugno inoltrato non si tagliano le siepi. Ti dirò, ho un bar con un giardinetto e il signore che mi sistema il verde mi ha assolutamente vietato di potare la siepe. Io ovviamente volevo solo sistemarla per evitare che uscisse troppo sul marcipiede ma lui non me l'ha lasciato fare. In ogni caso è triste vedere alberi e prati che spariscono per far posto a piazza tristi e desolate e capisco il tuo disagio!
    Le polpette sono squisite comunque =) La salsa tzatziki l'ho mangiata praticamente ad ogni pasto l'estate scorsa a Santorini...fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Valentina quante cose abbiamo in comune, prima il labrador, ora anche il bar. Avevo un bar ormai parecchi anni fa.

      Elimina
  11. purtroppo non tutti apprezzano la bellezza delle piante, pensa che una mia vicina (per fortuna tempo fa e in un'altra casa) mi ha tagliato le piante del davanzale perché "sporcavano" con i petali, ma era anche per dispetto...
    lasciamo stare... molto meglio la ricetta che mi piace moltissimo, fresca e sfiziosa!
    ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma la gente è tutta impazzita??? per fortuna hai cambiato casa

      Elimina
  12. Una ricetta fantastica, quanto alla siepe concordo con te, io amo il verde e mi piace molto questa recinzione naturale che ti dà tanta privacy e ti trasmette serenità.Poi sicuramente non è il periodo adatto, questo è il periodo vegetativo. Comunque abbi tanta pazienza.Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma si il verde fa tutto un altro effetto

      Elimina
  13. Ti capisco...io vivo in campagna e non riuscirei a fare a meno dell'erba, delle terra e delle piante.... Ho una rosa rossa rampicante che non poto assolutamente....e ogni anno fa un milione di bellissime rose!!! E chi se ne frega se dopo sfioriscono e cadono....è la natura che va avanti e ci pensa....i petali diventano concime...e la rosa continua a crescere rigogliosa!! Idem per il mio adorato glicine... non capisco questa moda di eliminare il verde...è una cosa davvero triste!
    P.S. complimenti per questa ricettina gustosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tiziana, che bello il glicine e la rosa rampicante.....mi credi che non riesco nemmeno a guardare fuori dalla finestra!!!!

      Elimina
  14. Mia cara ..pensavo che a Merano fosse immersa da tanto verde..... Mi dispiace!! Ti mando un grosso bacio...in questi giorni faccio fatica a lasciare commenti..un grosso ciao anche da Marchino.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merano con questo sindaco sta diventando uno schifo, lo dicono anche i turisti germanici che vengono qui da anni

      Elimina
  15. Sai bene quanto capisca e condivida la tua rabbia cara Sabina, ormai siamo entrati in un vortice di perdizione e mancanza di rispetto che vogliono farci credere che questa sia la normalità Non mi arrenderò mai a lottare perchè il rispetto per la Natura, per gli animali e la vita non sia un'azione di nicchia ma torni a diventare consuetudine e normalità. LO spero con tutto il cuore, perchè in questo modo stiamo distruggendo noi stessi.

    Le tue polpettine son divine, mi piacciono tantissimo.
    Un abbraccio e spero che il mal di testa sia passato, probabilmente è solo lo stress e il bisogno di staccare la mente: quando parti poi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Celeste per quanto riguarda la vacanza sono ancora in alto mare e ad essere sincera non ho nemmeno tutto questo entusiasmo.
      Vorrei essere già là, non ho voglia di fare il viaggio, valige ecc...
      sono anche abbastanza preoccupata per Elsa

      Elimina
  16. Sabi,dovresti venire dalle mie parti,è uno schifo, la mia zona è molto famosa per il vino Soave e molte zone un tempo classificate agricole ora sono passate ad edificabili con il risultato che continuano a distruggere verde per costruire case,troppe case, tanto che l'offerta è assai maggiore della ddomanda e moltissime sono invendute. Purtroppo ci sono amministrazione corrotte che non pensano ai residenti e alle loro necessitá di spazi verdi,ma alle mazzette per le concessioni edilizie.Questo argomento mi fa arrabbiare parecchio,come mi fa arrabbiare l'indifferenza che molte persone dimostrano nei confroni dell'ambiente,posso capire benissimo il guo stato
    d'animo!!!!
    Tornando a cose piú frivole,la tua ricetta è squisita,adoro i sapori meditteranei e la proverò sicuramente
    un bacione
    Erica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Erica, guarda questo argomento mi manda su tutte le furie e il mio balconcino ha ora una vista che fa schifo

      Elimina
    2. Ciao Erica, non posso fare a meno di commentarti perchè abitiamo nel raggio di 10/15 km, penso (io sono di Lonigo..) Non credevo sinceramente che la tua zona fosse cementificata così tanto, io quando vedo le vostre bellissime colline verdi allora vedo solo una facciata! Peccato. La natura non ci perdonerà per questo. Ciao ciao

      Elimina
  17. E' un vero peccato! Le siepi non si tagliano a giugno ... al limite si possono leggermente potare se si vuole contenere l'espansione del fogliame ... ma leggermente ...
    Non sopporto proprio queste cose ...
    Potresti, nel caso limite, piantare qualcosa tu nel tuo giardino per poter riequilibrare la vista e riportare un pò di verde (oltre alla vista delle montagne).
    Vai a chiedere spiegazioni ... ma con i cafoni che ci sono in giro rischi purtroppo che ti mandino anche a quel paese ... :-(
    Un bacione cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel mio giardino c'è una piccola siepe di cipressi, ma quella della scuola era bella alta e copriva l'edificio

      Elimina
  18. visto come trattiamo la natura è normale che inizi a ribellarsi, anche io adoro il verde e tutto attorno a casa ho messo una siepe molto alta!!
    comunque queste polpette sono magnifiche, davvero buonissime!!! ti mando un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Tiziana, eh già la natura si ribella forse anche troppo poco per i miei gusti

      Elimina
  19. Che peccato, la siepe oltre ad essere bella di suo ti faceva anche da barriera per un po' di privacy... Adesso avevano liberi sia gli operai che la scuola e non hanno badato al periodo giusto per potare!
    La mia amica che è specializzata in melanzane fa le polpette e le mette una mezza giornata in frigo prima di friggerle...
    Bacioni
    Tiziana

    RispondiElimina
  20. Mi spiace ler la giornata storta e il mal di testa. Spero che oggi vada decisamente meglio anche se lo scempio (perchè per me di sccempio si stratta!) della siepe resterà per parecchio. Io queste cose davvero non le capisco. E poi ci si lamenta che non si respira più, dello smog e dell'inquinamento. per forza...senza piante!!!Queste cose le capirebbe anche un bambino. Anzi, a volte penso che se a governare ci fossero dei bambini sicuramente ci rimetteremmo in sesto! mah...
    Le tue polpettine sono proprio stuzzicanti, una tira l'altra :) Bacioni, buona giornata

    RispondiElimina
  21. ahhh come ti capisco. nel mio piccolo paese per fare spazio ad una ciclabile (che dubito sarà utilizzata dagli anziani che già la guardano con sospetto) sono state abbattute delle robinie che da tantissimi anni profumavano l'aria in primavera.
    sarei andata a dare degli schiaffoni a chi ha avuto questa brillante idea... non capisco davvero queste iniziative insensate

    RispondiElimina
  22. Sabina ormai l uomo ata distruggendo la natura e poi ci lamentiamo che ci si rivolta contro ! Io non potrei vivere in una città , amo troppo il verde , i fiori , gli uccellini che cantano pero' non tutti capiscono!
    Come adoro questa ricetta trovo che tutti gli ingredienti si amalgamino bene:-)
    Lo sai che ho visto anche il libro "stagioni" di Donna e sarà il mio prossimo aquisto;-) bacioni cara

    RispondiElimina
  23. Potresti andare a lamentarti in comune, sicuramente il giardiniere lo hanno mandato loro. Anche a me verrebbe il mal di testa dal nervoso.. Consoliamoci con queste polpettine deliziose, che tu hai realizzato in maniera perfetta a giudicare dalle foto. La salsina non è di quelle che preferisco, ma sicuramente le polpettine stanno bene anche da sole!! bacioni, Francy

    RispondiElimina
  24. Leggendo il tuo post mi sono sentita "meno strana" e "fuori luogo" .. Proprio xchè anch'io come te mi affeziono in modo viscerale a piante ed animali.. A volte incompresa ci sto letteralmente male!! Capisco il nervoso.. Davvero!! Guardo queste polpette e ci vedo il mare greco.. Penso all estate e mi viene il sorrisi.. Grazie

    RispondiElimina
  25. Capisco bene la tua arrabbiatura Sabina, ma vedrai che la siepe tornerà ad essere verde, non credo la terranno sempre così tagliata no?.. Sai che non ricordavo che tu fossi di Merano? Ci sono stata da piccolina e ho un ricordo bellissimo... come dici tu molto pulita! Capisco anche la rabbia verso sindaco istituzioni e genere umano, certe volte siamo proprio una brutta razza!
    Ma rabbia a parte le polpette sono belle bellissime, anche io tempo fa le feci con la feta e mi ricordo vennero una bontà.. tu le hai arricchite ancora di più:D
    Un bacione Sabi, spero che ti torni presto il sorriso che quando sorridi sei bellissima!
    Un bacione

    RispondiElimina
  26. Che gente senza cuore :( Dai, avrai la tua rivincita!
    E intanto io mi gusto con gli occhi queste polpettine deliziose!
    Nelly

    RispondiElimina
  27. Sicuramente per tanti aspetti fanno benissimo a tenere la città pulita e preferirei anche giù da me facessero così. Però esagerare fa diventare le città asettiche.
    Buona battaglia allora :)

    Le polpette sono proprio sfiziose, molto estive e molto 'greche'. Una cucina che adoro.

    Un abbraccio, Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  28. Ciao Cara,
    L'essere umano é veramente disumano... E sa essere veramente disumano...
    E che dobbiamo fare??? Secondo me, la nostra parte... cercare quello che é giusto...
    Io sono stata in Africa e li non sono tanto rispetosi come hai descritto.... Purtroppo non é così...
    Sono stata molto bene alle Mauritius, la natura é bellissima e hanno un senso di rispetto verso la natura... Mi é molto piaciuto.
    Le polpettine sono buonissime. Poi con la feta...
    Un abbraccio
    Thais

    RispondiElimina
  29. meno male che allora non sono la sola ad arrabbiarmi per queste cose...a volte le persone non hanno rispetto...e non mi piacciono, mi piacciono invece le tue polpette!! Un abbraccio SILVIA (una carezza ad Elsa)

    RispondiElimina
  30. GRAZIE A TUTTI per la vostra comprensione e solidarietà, vi abbraccio

    RispondiElimina
  31. ah cara Sabina...non immagini quanto ti capisco!!! è una pena e una tristezza incredibile! vuoi sapere da me invece che succede? io abito nel cento storico del paese...strade piccoline e non trafficate da auto...con mio marito abbiamo pensato di mettere delle fioriere di pietra ai lati del portone e di fronte nella stradina con fiori, gelsomini che adoro e piante verdi, per dare un certo decoro...beh periodicamente scompaiono, la gente li ruba di notte...è pazzesco...e noi puntualmente li ripiantiamo! una volta con la telecamera è stato visto un signore e mio marito l'ha cercato e gli ha detto di vergognarsi!
    beh...meglio che ci gustiamo queste polpette che sono una tira l'altra!
    bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. succedeva anche a me quando avevo il bar, avevo anche io delle fioriere di pietra e molto spesso spariva qualcosa. Rubano le piante anche al cimitero...figurati...

      Elimina
  32. Ciao Sabina, sebbene le "conseguenze" del nostro comportamento irresponsabile sono sotto gli occhi di tutti, continuiamo a compiere gli stessi sbagli, ancora, ancora e ancora.... la comodità è più semplice ed i danni li coglieranno altri negli anni futuri... peccato, penso io, che tra gli altri ci siano anche i nostri figli..... quello che stupisce è che tu vivi in montagna, dove il rispetto per la natura dovrebbe essere maggiormente sentito...
    Dai una grattatina ad Elsa sopra la cosa a parte mia :-D e porta pazienza!!!! Un bacione, ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non ho figli, ma credo sia proprio brutto per un genitore immaginare questo futuro per i propri figli

      Elimina
  33. Ciao cara...mi sono persa un sacco di belle ricette (ne anche la tua giusta arrabiatura!!!!)provvedo a recuperare..hai ragione..l'Uomo distrugge e la natura ne paga le conseguenze..Purtroppo un caso analogo l'ho vissuto e dopo varie battaglie ho perso..hanno eliminato un albero secolare qui ad Arco..che pena!!!Le tue polpette sono fantastiche invece!!!Io le adoro..le ho preparate anch'io un mese fa..
    Un grandissimo abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si si perdiamo sempre contro queste battaglie. Tu non sai anche a merano quanti alberi secolari hanno tagliato.
      Se conosci merano forse ti sarai resa conto anche tu che sta diventando sempre peggio.

      Elimina
  34. Sabina, questo post mi era sfuggito e adesso ho capito perchè parlavi di arrabbiatura. Ho commentato anche più su, Erica74, che è più o meno della mia zona. Io mi sono resa conto che, pur abitando in una cittadina di campagna (ok, ci sono 3 zone industriali, negozi, supermercati ecc. - ma parliamo di una cittadina di 16.000 abitanti, mica una città) le campagne quasi non ci sono più. Non ci sono più spazi verdi o liberi, tutto è li per essere trasformato in cemento e asfalto. Purtroppo gli alberi sono solo un ostacolo da abbattere. Ma che le rose sporchino, siamo proprio al paradosso. Sabina, io fossi in te ci proverei a farmi sentire. Almeno ci hai provato...Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima, da una parte sono felice che questo argomento faccia ribollire il sangue a tanti e non lascia indifferenti, dall'altra parte mi fa tanto male sapere che è un problema comune e avanti di questo passo l'uomo sta distruggendo tutto, poi si lamenta però quando ci sono le catastrofi. Ad es. le zone alluvionate non sarebbero tali se la terra fosse meno asfaltata, con tutto questo asfalto l'acqua della pioggia dovrà pur andare da qualche parte.
      Purtroppo la maggior parte della gente se ne frega.
      baci e grazie

      Elimina
  35. che bel blog, mi unisco ai tuoi lettori.
    passa a trovarmi:

    dolcementeinventando.blogspot.it

    RispondiElimina
  36. Hai dato voce a tutti i miei risentimenti nei confronti dei miei vicini e del sindaco. Io abito vicino a Piacenza in un paesino. 3 anni fa hanno piantumato il parcheggio ma chi abitava li vicino ha fatto una raccolta firme per far tagliare le bellissime piante (pagate da tutta la cittadinanza) perché in autunno le foglie cadevano nel loro giardino. E il sindaco le ha fatte tagliare...
    E ti dirò di più, dei miei amici del Corpo forestale mi hanno detto che una signora ha telefonato in comando da loro che si lamentava del rumore delle fronde degli alberi con il vento e chiedeva se potevano mandare qualcuno a tagliarli.
    Ma qui stiamo rasentando la pazzia. Fastidio il rumore delle foglie al vanto? Ma è una melodia meravigliosa. Non so, a volte mi convinco che l'anormale forse sono io perché vedo che sono in netta minoranza.
    Che mondo infame.
    Alla prossima. Un caro saluto, Lorena
    P.s.: mi hai detto cose su Merano che non immaginavo. Lo vedevo come l'isola felice (e verde).

    RispondiElimina