le due bionde

le due bionde

giovedì 20 ottobre 2011

Strudel di mele

Buongiorno a tutti!!!!!!
Oggi vi parlo molto volentieri del mio dolce preferito. Per una fetta di strudel rinuncerei a qualsiasi altro dolce.






















Ho fatto uno strudel con la pasta tirata anzichè con la pasta frolla. Questa dovrebbe essere la versione viennese. 

Ingredienti per 1 strudel:

per la pasta:
150 g di farina
60 ml di acqua tiepida
1 uovo
1 cucchiaino di olio
1/2 cucchiaino di aceto di vino bianco
un pizzico di sale

per il ripieno:
4 mele
1/2 limone
2 cucchiai di rum
50 g di pangrattato
20 g di uva sultanina
10 g di pinoli
1 presa di cannella
60 g di zucchero
burro






















Mescolare in una ciotola la farina con l'acqua, l'uovo, l'olio, l'aceto e il sale. Impastare ottenendo una pasta liscia. Spennellare la pasta con pochissimo olio e farla riposare coperta per 20-30 minuti a temperatura ambiente.
Nel frattempo sbucciare le mele, tagliarle a fettine piuttosto sottili e marinarle con il succo di limone (mezzo è più che sufficente, altrimenti si sente troppo), il rum, la scorza di limone,  uva sultanina, pinoli, cannella e zucchero.
Stendere la pasta tirata su un foglio di carta da forno infarinata e lavorarla fino ad ottenere una sfoglia sottilissima.
Cospargere sulla sfoglia il pangrattato abbrustolito precedentemente in poco burro (solo nella parte dove verranno adagiate le mele). Versare il ripieno e chiudere formando uno strudel. Adagiarlo su una teglia su carta da forno.
Spennellare la superficie dello strudel con burro fuso. Cuocere in forno a 180° per 35 minuti.






















A dir la verità lo strudel viennese sarebbe fatto diversamente: il ripieno di mele non andrebbe mescolato ad uva sultanina, pinoli, cannella e zucchero. La versione originale prevede di adagiare sulla sfoglia il pangrattato abbrustolito, le mele marinate con succo di limone, rum e scorza,  sopra le mele l'uvetta, poi i pinoli, la cannella e infine lo zucchero.  Arrotolare lo strudel in modo che ci sia la pasta anche all'interno.
Io l'ho fatto alla maniera altoatesina.
Questo strudel è ottimo con una salsa calda alla vaniglia.

Lo strudel di mele è sicuramente la ricetta giusta per farvi vedere qualche fotografia che ho fatto domenica scorsa alla festa dell'uva di Merano.















Mi è piaciuta tantissimo la bambina che salutava tutta sorridente sul carro delle mele.
E' una bella festa, specialmente per i turisti. La sfilata dei carri era domenica pomeriggio 16 ottobre.
Questa festa si tiene ogni terza domenica di ottobre, dura 3 giorni, dal venerdì alla domenica.
In tutta la città c'erano bancarelle che vendevano dolciumi come strudel di mele, krapfen con ripieno di castagne o papavero, strauben. Bancarelle con wurstel e crauti, speck, zuppe d'orzo e caldarroste ecc...






















Un bacio a tutti.
Sabina




20 commenti:

  1. Lo strudel è davvero un ottimo dolce, complimenti Sabina!
    Un bacione anche a Elsa!!

    RispondiElimina
  2. grazie Mariangela....Elsa contraccambia!!!!

    RispondiElimina
  3. che bello strudel e che belle foto!!! grazie per aver condiviso con noi quell'atmosfera di festa :))))

    RispondiElimina
  4. Lo strudel é un dolce fantastico, complimenti, il tuo é bellissimo.
    Belle sono anche le fotografie!
    Un abbraccio.
    thais.

    RispondiElimina
  5. Quanto mi piace lo strudel!!! :D

    RispondiElimina
  6. Ciao Sabina, che piacere conoscerti, adoro lo strudel, adoro la terra dove vivi ci sono venuta spesso in vacanza e spero di tornarci presto.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. E' anche il mio dolce preferito lo faccio spesso, ma con la pasta matta ma questa versione mi piace....un bacio Maria

    RispondiElimina
  8. buono! e che bella giornata domenica, come le foto!
    ciao :-D

    RispondiElimina
  9. Trilly, ma la pasta matta non è come quella che ho fatto io più o meno????

    RispondiElimina
  10. TU MI FAI MORIRE. AHAHahha Elisa a chi? :)

    RispondiElimina
  11. Veronica hahahahah!!!!!!!
    mi fai morire anche tu......adesso vengo a vedere cosa ho combinato.....dai forse tra qualche mese non confonderò più i nomi hahahaha!!!!!!

    RispondiElimina
  12. E a noi la versione altoatesina ci piace tanto,anche perchè le tradizioni della tua città sono avvolgenti come il calore del Natale che arriva!!Immagino quelle bancarelle,oddio le passerei in rassegna tutte....
    Baci Sabina e complimenti per lo strudel,ha un aspetto moltooooooo invitante!!

    RispondiElimina
  13. Conquistata dalla tua versione... gnam!

    RispondiElimina
  14. dimenticavo: sei decisamente adorabile con le tue gaffe ;)

    RispondiElimina
  15. Ciao Sabina, che profumo che sento...arriva fino a qui ;-), io sono nella "fase mele", quindi non posso non segnarmi la tua ricetta. Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. che belle le feste di tradizione contadina.
    Buono lo strudel, ma anche lo strauben! :-)
    baci
    Erica

    RispondiElimina
  17. Erica, ho la ricetta dello strauben, ma non l'ho mai fatto. Magari prima provo e poi in caso la posto.

    RispondiElimina
  18. Non conoscevo questa festa, a Merano ci sono stata un paio di anni fa ma in Marzo, ma posso dire in assoluto di aver mangiato lo strudel più buono del mondo!
    Sono una calabrese che va matta per i piatti altotesini...ti seguirò anch'io e grazie per avermi fatto scoprire il tuo bellissimo blog!
    A presto
    Ale
    PS: la tua bionda è bellissima, io ho un bassotto nano di 8 mesi che mi sta facendo impazzire...è nella fase rosicchio tutto! Poi dalla testardaggine potrebbe essere scambiato benissimo con un dobermann se non fosse per le sue zampette mignon ;)

    RispondiElimina
  19. Ciao Sabina, seguo sempre le tue ricette, sono buonissime e le foto splendide! Lo strudel è anche per me il dolce preferito (un po' tutti quelli con le mele), volevo chiederti: la ricetta originale altoatesina dello strudel prevede solo mele, uvetta e pinoli? O anche pangrattatao, biscotti, pere e rum (come hai fatto te)? Ho sentito molte versioni contrastanti...
    Un caro saluto,
    Francesca

    RispondiElimina