venerdì 4 gennaio 2013

Capesante gratinate con pistacchi e scorzetta d'arancia

Buongiorno cari amici,
come vi calza questo 2013??? Io mi sento un po' più leggera e vorrei continuare a sentirmi così per parecchio tempo, sono serena.
Non è cambiato praticamente nulla dal 2012, la mia priorità è sempre Elsa e le mie giornate scorrono con lei accanto. Quello che posso raccontarvi al momento è veramente poco e soprattutto poco interessante per voi. Posso soltanto esprimervi le mie emozioni che al momento non sono poche.
Assistere Elsa, vederla così fragile e indifesa mi riporta indietro negli anni, a quando mia mamma era malata. A quel tempo ero più giovane e mi pesava doverla assistere, davo più importanza alle uscite con gli amici, alle vacanze, al fidanzato ecc... Più che altro non mi rendevo conto della situazione, mia mamma era malata da molti anni e non avrei mai pensavo che un giorno sarebbe stato l'ultimo.
Non ho rimorsi di coscienza perché è normale essere più spensierati e superficiali da giovani. Mia mamma, poi, era davvero speciale perché era lei a volermi lasciar libera di vivere la mia gioventù.
Ora con Elsa sono più consapevole e matura e mi rendo conto che il tempo passato ad assistere qualcuno che si ama è prezioso e impagabile. Sono proprio questi momenti così intimi e spirituali che arricchiscono la nostra persona, che ci fanno sentire umani,  che danno un senso alla nostra vita. Sono proprio questi istanti che ci fanno stabilire un contatto più profondo che porteremo per sempre nel nostro cuore.

Nonostante tutto Elsa ha sempre un grande appetito, buon segno. E' sempre una gioia cucinare con lei che mi gironzola intorno elemosinando un pezzetto di qualsiasi cosa commestibile.
Ho ancora diverse ricette dell'anno scorso da postare, da quelle altoatesine a quelle per le feste.
Le capesante di oggi le ho preparate l'ultimo dell'Anno, a noi piacciono molto e sono ormai diversi anni che le preparo.








































Ingredienti per 2 persone:
4 capesante
1 fetta di pancarrè bianco
20 g di pistacchi sgusciati (quelli salati sono perfetti)
una grattugiata di scorzetta di arancia non trattata
sale e pepe
30 g di burro

Staccate delicatamente le capesante dalla conchiglia, lavatele sotto il getto di acqua fredda ed eliminate residui scuri. Asciugatele bene con della carta e adagiatele sopra la conchiglia anch'essa lavata e asciugata.
Frullate il pancarrè, tritate grossolanamente i pistacchi, grattugiate pochissima scorza d'arancia e mescolate il tutto. Distribuite sulle capesante, salate, pepate.
Fate fondere il burro in un pentolino e versatelo con un cucchiaio sulle capesante.
Cuocete nel forno preriscaldato a 180° per 12 minuti circa e completate con 2 minuti sotto il grill.








































Buon week end a tutti!!!
Sabina

46 commenti:

  1. Cara Sabina,
    ecco una ricetta davvero "speciale" anche per me! Le capesante sono uno dei piatti preferiti da mio marito, ma io non so mai come cucinarle e ci limitiamo a prenderle quando andiamo a cena nel ristornate del nostro matrimonio... Con questa ricetta, ora potrò farle in casa, per qualche cenetta speciale e lume di candela e... bollicine italiane (Franciacorta?)...
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Elli, le capesante sono una delle cose più semplici da preparare a casa,anche quando si hanno tanti ospiti.
      Se ti interessa ho un'altra ricetta altrettanto buona per come prepararle "capesante gratinate al pane aromatico".
      Lunedì invece posterò un'altra ricetta di capesante altrettanto gustosa.
      Io quasi sempre bollicine italiane, quest'anno invece abbiamo optato per quelle francesi, giusto per fare soltanto un po' più i fighetti :)))

      Elimina
  2. Amica mia.. sono stata poco presente in questi primi giorni dell'anno e me ne scuso.. sai, credo che la tua anima sia davvero di una dolcezza e di un amore impagabile. La tua mamma deve essere stata (e ancora lo è) un angelo vero: e tu con lei. L'hai accudita nonostante l'età, nonostante pochi l'avrebbero fatto; hai dato il meglio di te, seppur ragazzina.. e le hai fatto il dono più grande che potessi immaginare. Sei tanto cara, tanto profonda. E adesso con Elsa sei tu una mamma perfetta. Io non posso che augurarti che questa leggerezza e serenità ti accompagnino sempre, ogni giorno.. e che possiate essere felici insieme ad Elsa e alle sue scodinzolatine, ancora molto a lungo. Sei SPECIALE. Ti voglio davvero un bene incalcolabile..
    ...e ormai lo sai che ogni tua ricetta l'adoro.. pistacchi e scorzette d'arancia. Mamma mia, un vero piattino da festa. Che profumo mi pare di sentire! Ti abbraccio e ti scrivo appena posso, già devo scappare a comprare le mozzarelle prima che il market del paese chiuda!!! Smuacck!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. amica cara, le tue parole sono sempre un vero toccasana e so che mi capisci nel profondo

      Elimina
  3. Carissima Amica.
    come ti capisco!!! Quando mio padre stava male, io avevo 19 anni, mi pesava molto le sue crisi di salute, e desideravo che tutto potesse terminare,, e a 20 anni é terminato. Il suo ultimo instante io ero li... ho provato sollievo e una profonda tristezza allo stesso tempo...
    volevo che il tempo tornasse indietro, e che io potesse stare li con la testa di adesso. Ma non è possibile. allora ci parlo con lui, ogni instante... di tutto, di tutti, dei miei sentimenti, della mia giornata... Immagino lui che mi suona alla porta e prendiano un caffè insieme.... Chi sa loro ci stanno vicini in questo esatto momento??? Mi auguro di sì!!!
    Come ti capisco...
    Elsa é fortunata di affrontare i suoi problemi accanto a te.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io avrei voluto prendermi cura di mia mamma così come sto facendo con Elsa, ma questo non è possibile. Questa è la vita e dobbiamo acettare.
      Hai fatto bene a stare a casa con i tuoi gattini, lo avrei fatto anche io

      Elimina
  4. che bontà queste cappesante! anch'io sono tanto indietro con le ricette ma cercherò di recuperare...mi spiace per elsa ma se ha appetito vuol dire che sta meglio...spero si riprenda del tutto! Un bacio cara e buon weekend anche a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo non si riprenderà del tutto perchè è troppo vecchia, ti ringrazio comunque per il tuo pensiero

      Elimina
  5. Cara sabina, è verissimo, stare vicino alle persone, assisterle nei loro momenti di malattia, lascia tanto a chi assiste, arricchisce molto. Le tue capesante devono essere veramente deliziose. Mi piace molto il tuo stile in cucina, le tue ricette. Ti auguro una felice giornata, al fianco della tua bella bimba pelosa. In questo momento sono al tavolinodi un ristorante a Venezia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che bella Venezia......beviti un bel caffe in piazza S. Marco alla faccia mia :)))

      Elimina
  6. credo che riuscire a stare vicino ad una persona malata e riuscire ad apprezzarne il lato positivo non sia cosa da tutti. La tua sensibilità ti permette di dare una ragione alle cose e di andare avanti a testa alta. Se tua mamma preferiva lasciarti uscire piuttosto che stare con lei credo fosse per due motivi: uno perchè ti amava immensamente come solo le mamme sanno fare e due perchè non voleva che tu soffrissi vedendola così.
    Goditi a fondo questi momenti con Elsa!
    Le capesante con i pistacchi devono essere una favola!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara mi hai lasciato davvero delle belle parole e ti ringrazio

      Elimina
  7. wow adoro le capesante e hai ragione sui pistacchi, io ci ho fatto il branzino e era divino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con il branzino devo provarli, ma sicuramente non sarà da meno

      Elimina
  8. Ciao Sabina, se ti va, passa da me, c'è una sorpresina che ti aspetta... Un abbraccio e una carezza ad Elsa!

    RispondiElimina
  9. Le capesante sono diventate un classico anche da noi per l'ultimo dell'anno e ogni volta cerchiamo di prepararle in modo diverso. Questa ricetta deve essere buonissima... con il pistacchio... wow!!! Che delizia!
    Elsa è una cagnolona davvero fortunata ad avere voi che siete così affettuosi e presenti nei suoi confronti. Tutto quello che fai per lei è anche un dono che fai al tuo cuore. Ogni giorno, ogni ora trscorsa assieme a lei rimarrà per sempre assieme a te. Ieri sera, dopo tanti gioni che preferiva stare da sola, la mia gattina si è accoccolata sul divano accanto a me ed è rimasta lì per ore. Per me questo è stato un grande dono.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tesoro, sono così felice che la tua gattina si sia accoccolata accanto a te. Anche Elsa con me non è mai stata tanto coccolona, ultimamente invece le piace sentire il mio calore. Di notte spesso trema, la copro con una copertina e mi addormento abracciandola.
      Sono momenti impagabili e indimenticabili
      un abbraccio

      Elimina
  10. Sabina, tesoro, non sai quanto sia felice di sapere che Elsa sta un pochino meglio. Credo che prendersi cura di chi si ama sia la cosa più naturale e semplice di questo mondo...che sia una persona o un animale..anche io mi sento serena. E come dici tu, non è che sia cambiato nulla rispetto ad una settimana fa..ma è un approccio mentale..tutto qui.
    Mi godo la tua ricetta e ti mando un bacio :)
    Buona giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto, è un approccio mentale, ci siamo depurate mentalmente :)))

      Elimina
  11. Ecco un modo diverso dal nostro per gustare le capesante... devono essere sfiziosissime!
    Il tuo animo gentile e affettuoso traspare da ogni parola... vorrei anch'io riuscire a scrivere così le mie emozioni... ma non tutti hanno questa dote ahimè
    Un bacione grande
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Tiziana, anche tu hai un animo davvero gentile e sensibile e traspare anche da te, stanne certa. Ogni tua parola, mail e commento sono sempre state per me di grande conforto, ognuno ha il proprio modo per esprimerlo
      ti abbraccio forte

      Elimina
  12. "Sono proprio questi istanti che ci fanno stabilire un contatto più profondo che porteremo per sempre nel nostro cuore."

    Non sai quanto condivido....

    Ti abbraccio forte forte, G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio Giorgia per essere sempre così presente e per ogni tua parola, sono contenta di aver approfondito la nostra amicizia
      un abbraccio

      Elimina
  13. Le capesante le adoro..ma le mangio sempre gratinate nello stesso modo, mi hai dato un ottima alternativa da provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Marzia, lunedì posterò un'altra ricetta per le capesante

      Elimina
  14. Sei molto dolce a raccontare della mamma, del tempo speso con lei e dell'amore che dispensi ora per Elsa.
    Le capesante gratinate sono un piattino che io ho mangiato solo al ristorante. Mi piacciono moltissimo e mi piacerebbe rifare presto, mi ricordano un po' la Francia del Nord.
    Bacetti cara:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le capesante sono semplicissime da preparare in casa, anche per tante persone
      bacioni

      Elimina
  15. Sabina sei una persona molto speciale, spero che il 2013 ti porti tanta serenità e salute con un pizzico di fortuna che non basta mai!!!! Il tuo piatto è molto bello e d'effetto, metto subito da parte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti ringrazio tanto Mariangela, speriamo che il 2013 sia una buona annata per tutti
      baci

      Elimina
  16. Ciao Sabina, sei dolcissima. Sicuramente sia la mamma che Elsa sono state e sono realmente consapevoli del bene che gli vuoi, nonostante a volte sia da giovani che da grandi si tenda a voler fuggire anche solo per qualche minuto dalle situazioni che ci fanno stare male.
    Ti auguro un 2013 felice, rilassato e senza troppi scossoni!
    Un bacio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. agli scossoni ci sono abituata, ma se per po' dovesse essere tutti tranquillo non sarebbe niente male
      bacioni

      Elimina
  17. che belle queste cappesante! e che dolce elsa..vi immagino insieme in cucina! un bacione e buon weekend!

    RispondiElimina
  18. Ciao Sabina, mi piace sempre passare nel tuo blog e leggere i tuoi post, non solo per le ricette supergolose che fai,come queste capesante, ma per le bellissime cose che scrivi. Ti conosco da poco ma ho capito che sei una persona speciale :)
    Una buona serata a te e una carezza a Elsa :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ormai questo blog è diventato una specie di diario aperto a tutti, al momento ho bisogno di questo e del vostro calore che mi date ogni giorno
      bacioni

      Elimina
  19. sei speciale. punto.
    ma quand'è che organizzerai un corso di food-photography? io mi prenoto!
    un abbraccio forte e un bacino a elsa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, oh mamma mia mi sento davvero lusingata.......ma quale corso, siete state proprio voi le mie maestre, ho imparato semplicemente guardando i vostri blog
      un bacione e grazie ancora

      Elimina
  20. Che bontà queste capesante, davvero chic e poi con i pistacchi sono ancora più belle.

    Buon 2013 anche a te, qui è iniziato abbastanza bene, niente di entusiasmante o eccezionale, ma si va :D Peccato per Elsa che sta male, anche il mio cane inizia a diventare un po' vecchietta, accusa i colpi dell'incidente che ha avuto da piccola, ma fa ancora un gran baccano :D

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
  21. Ciao Sabina :) Sei una persona davvero straordinaria e sensibile, la tua Elsa ha un'amica davvero speciale :) Queste capesante sono invitantissime, mi piacerebbe molto provarle con i pistacchi. Complimenti e un forte abbraccio, auguro tanto bene e felicità a te e alla tua cagnolona bellissima :*

    RispondiElimina
  22. sei davvero speciale. speriamo che tutto proceda bene!

    RispondiElimina
  23. Mi piace molto l'accostamento pistacchio-cappasante. E il gratinato esalta bene entrambi i sapori, i gusti.
    Elsa mi sembra una cagnolona molto affettuosa che parla con i suoi occhi, e tu, naturalmente, la capisci. Come 2 amici che si vogliono bene e non hanno bisogno di parlare, perchè si capiscono anche senza parole
    Buon 2013

    RispondiElimina
  24. Questa ricetta ha un tocco speciale! Io adoro le capesante sanno proprio di festa. Gli animali diventano parte della nostra famiglia e accudirli è come farlo con una persona amata. Io ho accudito i miei genitori per 17 anni ed ero molto giovane, ti capisco profondamente quando parli di tua mamma. Un abbraccio e sono contenta che Elsa abbia appetito, baciotti e ronron Helga e Magali

    RispondiElimina
  25. Wow, vorrei provare questa ricetta prima o poi!
    Le ho sempre fatte così http://ilsabatodellatorta.blogspot.it/2014/04/capesante-gratinate.html
    ma mi ispirano le tue.
    Complimenti!

    RispondiElimina